Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Stripe top pdp Libri IT
Le donne e l'olocausto. Ricordi dall'inferno dei lager - Lucille Eichengreen - copertina
Le donne e l'olocausto. Ricordi dall'inferno dei lager - Lucille Eichengreen - copertina
Dati e Statistiche
Fuori di libri Post sulla Community Fuori di libri
Wishlist Salvato in 33 liste dei desideri
Disponibilità immediata
Le donne e l'olocausto. Ricordi dall'inferno dei lager
13,30 €
-5% 14,00 €
13,30 € 14,00 € -5%
Disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
13,30 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
13,30 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Le donne e l'olocausto. Ricordi dall'inferno dei lager - Lucille Eichengreen - copertina
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


"Le donne e l'olocausto" è uno dei pochi memoriali che si concentra esclusivamente sulle donne. Con sincerità straziante, Lucilie Eichengreen offre uno sguardo approfondito e sincero dell'esperienza femminile nei campi nazisti. Raccontando la storia della propria sopravvivenza, esplora il mondo delle altre donne che ha incontrato, dal potere femminile delle guardie SS, alle prigioniere che erano costrette a prostituirsi per il cibo. Le amicizie che nacquero tra le donne spesso durarono a lungo. Si aiutavano l'una con l'altra, e si dimostravano un affetto e un'attenzione che era diffìcile trovare persino in famiglia. Certo, avevano anche delle nemiche tra loro. Altre donne le maltrattavano, le denunciavano, le raggiravano e rubavano il cibo o le scarpe. In tutti i campi di concentramento era più o meno lo stesso. Ma in generale c'era fiducia reciproca, le donne si davano una mano e piangevano insieme. Con una prosa secca e toccante, la Eichengreen sa cogliere il nocciolo, l'essenza delle cose ma senza fare prediche. In più, Lucilie scrive con l'autorevolezza della testimone oculare, un valore che presto spetterà solo alla pagina scritta e ai documentari filmati, visto che le fila dei sopravvissuti si assottigliano drammaticamente ogni anno. Lei è una di loro, una sopravvissuta che ha ancora voglia di raccontare la propria storia.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2012
11 gennaio 2012
154 p., Brossura
9788831711241

Valutazioni e recensioni

Comneno
Recensioni: 4/5
Ultime testimonianze e poi il buco nero che tutto nasconde

Chi avrà più voglia di ascoltare queste storie quando anche l’ultima testimonianza vivente si spegnerà? Tutto verrà prima avvolto dalla nebbia e poi scomparirà nelle pagine buie della storia. Testimonianza di vite perdute: “Nel ghetto non avvenivano miracoli, e noi avevamo perso ogni speranza”. Quindi anche la speranza era fuggita, neanche una dea può alleviare quel presente a tal punto che “la stessa fine della guerra arrivò completamente inaspettata”. Ma sarà quel passato che come un cerchio unirà i sopravvissuti ma allo stesso tempo li dividerà per sempre. La paura è una costante nello sguardo smunto di queste donne affamate nei propri affetti e non solo nelle carni in mezzo a molti, troppi uomini irascibili per la condizione di profonda privazione. Le donne e i bambini non sanno più ridere e i più piccoli non lo hanno mai imparato. “Tanto ci sarà gas per tutti” dirà un kapò con il fucile spianato e “Fumo: fu questo tutto ciò che rimase della vita di un fratello e di una sorella.” E per chi non era ancora morto “La dottoressa Gisa non aveva strumenti, non aveva medicine, non aveva garze, solo delle striscioline di carta con cui ci fasciava le mani piagate e coperte di lividi. Non poteva curarci la tosse, la febbre, la dissenteria, perciò tiravamo avanti, ci trascinavamo verso i siti di costruzione e continuavamo a lavorare.” Che cosa si può commentare a tali parole. Schegge di vite non vissute. I sopravvissuti si sono sempre dovuti confrontare con quel passato; vite che non sono mai riuscite a far sbiadire i ricordi del passato. L’autrice ha il coraggio di tornare dopo cinquanta anni nei luoghi della propria infanzia ma non trova neppure l’ombra di quello che fu. Reietti in una patria che non fu, perennemente stranieri in un mondo che non guarda indietro. Quel mondo che oramai sta scomparendo per sempre e che presto verrà dimenticato.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Lucille Eichengreen

1925, Amburgo

Lucille Eichengreen, nata Cecelia Landau, è miracolosamente sopravvissuta a dodici anni di ghetti e a tre campi di concentramento (Lódz, Auschwitz, Neuengamme e Bergen-Belsen) fino alla liberazione di Bergen-Belsen. È emigrata negli Stati Uniti nel 1946, dove si è sposata e ha lavorato come agente delle assicurazioni. Nel 1994, ha publbicato From Ashes to Life: My Memories of the Holocaust. Tiene frequentemente lezioni sull'olocausto nelle biblioteche, scuole e università negli Stati Uniti e in Germania.Con Marsilio ha pubblicato Le donne e l'Olocausto (2011) e Rumkowski e gli orfani di Lodz (2014).Sotto: Lucille fotografata nel 1931 con la sorellina Karin

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Inserisci la tua mail

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore