Dannati della rivoluzione. Violenza politica e storia d'Italia negli anni Sessanta e Settanta

Dannati della rivoluzione. Violenza politica e storia d'Italia negli anni Sessanta e Settanta

 
MOMENTANEAMENTE NON DISPONIBILE ONLINE
Prenota e ritiraVerifica disponibilità in Negozio

Descrizione

Perché le generazioni nate negli anni Sessanta e Settanta non hanno ancora la loro storia? Perché c'è un'evidente sproporzione tra l'attenzione suscitata nell'opinione pubblica dai libri di memorialistica, dalle interviste ai protagonisti, dalle ricostruzioni giornalistiche su quel ventennio, e il silenzio degli storici? Certamente, molto è dipeso dal fatto che, quando quel periodo lastricato di sangue si è chiuso, le ragioni di chi vi ha partecipato sono rapidamente precipitate nel passato. Mentre l'Italia degli anni '80 esportava la sua modernità ovunque, mentre il post-moderno si affacciava sulla scena mondiale e le ideologie del '900 sopravvivevano faticosamente a se stesse, non sembrava più possibile, né interessante, recuperare le ragioni di chi aveva creduto, sperato, combattuto per la rivoluzione. E allora, quel periodo è stato raccontato solo attraverso le vicende umane, personali, dei singoli protagonisti, di chi ha colpito e di chi è stato colpito. Le radici, il contesto, in cui quel sogno era nato, sono scomparsi. Questo libro si propone invece di intrecciare, non di separare, queste diverse dimensioni, mettendo a confronto studiosi sia di diverse provenienze politiche e culturali che di generazioni differenti. Tutto è iniziato con il '68 o ancora prima? Piazza Fontana ha rappresentato veramente la “perdita dell'innocenza” per un'intera generazione che si è sentita costretta a difendersi dalla violenza dello Stato, come è stato tante volte ripetuto? O ci sono altre piste da percorrere per capire ciò che è realmente avvenuto? Estrema destra ed estrema sinistra sono stati nemici assoluti o invece hanno condiviso più cose di quanto a lungo abbiamo creduto? Come sono stati raccontati quegli anni dai loro protagonisti: vittime e carnefici, innanzitutto, ma anche storici, giornalisti, magistrati, scrittori? E che pensano le nuove generazioni di quelle vicende così lontane?

Dopo aver letto il libro Dannati della rivoluzione. Violenza politica e storia d'Italia negli anni Sessanta e Settanta di ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad acquistare il libro in fretta per poter dire la nostra ed eventualmente smentire quanto commentato da altri, contribuendo ad arricchire più possibile i commenti e dare sempre più spunti di confronto al pubblico online.

Recensioni

Nessuna Recensione presente. Vuoi essere il primo a inserirne una?
Recensioni con x Stelle
Trama
 
Stile scrittura
 
Aspetto estetico
 
Rapporto qualità / prezzo
 
Valutazione complessiva
 

Dettagli

  • GenereGenerale
  • Editore:CEUM
  • Data uscita:15/02/2010
  • Pagine:250
  • Lingua:Italiano
  • EAN:9788860562173




APP18 - Bonus cultura da 500€


I Nostri Partner


Dogalize
 
Cardif
 
Dogalize