Img Top pdp IT book
Salvato in 344 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Macchine come me
18,52 € 19,50 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+190 punti Effe
-5% 19,50 € 18,52 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
18,52 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
18,52 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Macchine come me - Ian McEwan - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Macchine come me Ian McEwan
€ 19,50
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Il primo non-uomo ha accesso a tutto quello che si può sapere.

«Il romanzo che parla della cosa che McEwan conosce meglio: il bisogno primario del romanzo»Robinson

«Geniale e sensibile... un dramma domestico retrofuturista che si monito intenso su temi quali intelligenza artificiale, consenso, giustizia»The New Yorker

«Con Macchine come noi Ian McEwan ha scritto un altro capolavoro, un romanzo (sovrumano) di intelligenza sentimentale»Antonio D'Orrico, La Lettura

«Un robot non può recar danno a un essere umano né può permettere che, a causa del proprio mancato intervento, un essere umano riceva danno»

Con l'eredità che gli ha lasciato sua madre, Charlie Friend avrebbe potuto comprare casa in un quartiere elegante di Londra, sposare l'affascinante vicina del piano di sopra, Miranda, e coronare con lei il sogno di una tranquilla vita borghese. Ma molte cose, in questo 1982 alternativo, non sono andate com'era scritto. La guerra delle Falkland si è conclusa con la sconfitta dell'Inghilterra e i quattro Beatles hanno ripreso a calcare le scene. E con l'eredità Charlie ci ha comprato una macchina. Bellissima e potente, dotata di un nome e di un corpo, la macchina ha intelligenza e sentimenti e una coscienza propri: è l'androide Adam, creato dagli uomini a loro immagine e somiglianza. La sua stessa esistenza pone l'eterna domanda: in cosa consiste la natura umana? Londra, un altro 1982. Nelle isole Falkland infuriano gli ultimi fuochi della guerra contro l'Argentina, ma per le vie della città non sventoleranno le bandiere della vittoria. I Beatles si sono da poco ricostituiti e la voce aspra di John Lennon continua a diffondersi via radio. Anche il meritorio decrittatore del codice Enigma, Alan Turing, è scampato alla morte precoce, e i suoi studi hanno reso possibili alcune delle conquiste tecnologiche di questi «altri» anni Ottanta, dalle automobili autonome ai primi esseri umani artificiali. Fra chi non resiste alla tentazione di aggiudicarsi uno dei venticinque prototipi esistenti nel mondo, dodici Adam e tredici Eve, c'è Charlie Friend. Certo, un grosso investimento per un trentaduenne che si guadagna da vivere comprando e vendendo titoli online. Ma Charlie è convinto che quel suo Adam bellissimo, forte, capace in tutto, «articolo da compagnia, sparring partner intellettuale, amico e factotum» secondo le promesse dei costruttori, gli sarà di grosso aiuto con l'affascinante ma sfuggente Miranda, la giovane vicina del piano di sopra. Per certi versi non ha torto. Il primo non-uomo ha accesso a tutto quello che si può sapere, dalla soluzione del problema matematico P e NP, all'influenza di Montaigne su Shakespeare, fino al modo di vincere le resistenze di Miranda e penetrarne il segreto. Un segreto complicato e doloroso che, quando emerge, pone ciascuno di fronte a un dilemma etico lacerante. Ma la legge piú inviolabile dell'androide recita: «Un robot non può recar danno a un essere umano né può permettere che, a causa del proprio mancato intervento, un essere umano riceva danno». E per un'intelligenza artificiale tanto sofisticata da anteporre la coscienza alla scienza, il concetto di danno può essere piú profondo e micidiale di quel che appare.

Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2019
3 settembre 2019
296 p., Rilegato
9788806241841

Valutazioni e recensioni

4,67/5
Recensioni: 5/5
(3)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Stefano Mino
Recensioni: 5/5

Non delude mai

Leggi di più Leggi di meno
Enrico Spano'
Recensioni: 4/5

In un mondo in cui Alan Turing ha scelto il carcere ed è sopravvissuto, in cui il Regno Unito ha perso la guerra per le isole Flackland e si trova a vivere un’instabilità simile a quanto oggi accade con la Brexit, seguiamo la storia di Adam: macchina come noi, la cui umanità si contrappone all’atto disumano (o, forse, troppo umano) del suo proprietario. Libro agile, facile da leggere, consigliato, non soltanto per lettori del genere distropico.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 5/5

MARIA TERESA LEZZI FIORENTINO Il progresso tecnologico ci affascina, sembra inarrestabile, senza limiti. Non finiamo di stupirci di fronte alle continue conquiste, anche se tanti dubbi affollano la nostra mente … Il nostro mondo è popolato di strumenti con i quali interagiamo continuamente, lavoriamo, trascorriamo il tempo libero, e quando con stupore scopriamo che ci ASCOLTANO e ci seguono come un Grande Fratello orwelliano, non possiamo che provare un senso di inquietudine: le nostre scelte non sono più private, il nostro mondo è già in mano alle macchine! Con il suo ultimo libro, “Macchine come me”, Ian Mc Ewan affronta il tema dell’intelligenza artificiale portandolo alle estreme conseguenze, che finiscono col colorare le nostre riflessioni di nero. Pagina dopo pagina lo stupore accompagna la lettura che, come sempre, cattura il lettore con una narrazione avvincente, ricca di particolari, di riferimenti precisi, di approfondimenti su tema abilmente inseriti in digressioni che fanno da cornice sfondo alla narrazione. Il ricorso alle associazioni di pensiero rende il racconto ancora più vivo, ma quello che affascina e spaventa è la sfida di modernità e umanità in un duello all’ultima trovata tecnologica. I nostri timori sono simili in parte a quelli che finiranno con l’abitare, nel tempo, i pensieri di Charlie Friend, il trentaduenne che ha deciso di investire la propria eredità acquistando l’androide Adam. La presenza di un robot in famiglia è quella di un altro sé, visto che lo si programma scegliendo tra una serie di opzioni (socievole, timido, impressionabile, loquace, introverso, modesto, temerario, energico, lunatico). Può essere a propria immagine e somiglianza, o un’integrazione del sé, per superare le proprie fragilità. All’inizio è al servizio degli altri, ma poi si guadagna un posto d’onore all’interno della dinamica familiare, fino a rivelare i propri sentimenti … Ci stupisce: una macchina senziente capace di amare, di comporre haiku, di apprezzare o aborrire la vita, di scatenare accessi di gelosia o puro odio, come qualunque essere umano. Un robot rivale. Charlie si chiede spesso “cosa si nasconda dietro quelle iridi azzurre screziate di nero, chi o che cosa abiti quegli occhi”. Mc Ewan ci lascia ipotizzare il rischio di un mondo popolato da Adam ed Eve, in cui specchiarci e vedere parti di noi che ci fanno paura, in cui gli androidi saranno padroni assoluti, la coscienza supererà la scienza e “gli esseri umani saranno spiaggiati nell’esigua lingua di sabbia della loro intelligenza”. Affida a Charlie le riflessioni sul progresso tecnologico inarrestabile e sull’autostima umana che “potrebbe essere vista come un susseguirsi di inesorabili retrocessioni proiettate verso l’estinzione.” È asserragliata nella coscienza, fino all’invenzione di macchine più intelligenti dell’essere umano che a loro volta ne inventeranno altre … E l’uomo?

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,67/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Ian McEwan

1948, Aldershot

Scrittore e sceneggiatore britannico. Esordisce con due raccolte di novelle, Primo amore, ultimi riti (1975 - pubblicato da Einaudi nel 1979 con la traduzione di Stefania Bertola) e Tra le lenzuola (1978 - edito da Einaudi nel 1982 sempre con la traduzione della Bertola), che ritraggono, in uno stile raffinato e impersonale, situazioni quotidiane, dominate tuttavia dall’ossessione per il sesso e segnate dalla morte. Sesso, perversione e morte sono temi trattati anche nei primi romanzi, Il giardino di cemento (1978, portato sul grande schermo nel 1993 dal regista Andrew Birkin con la nipote Charlotte Gainsbourg e tradotto dalla Bertola per Einaudi nel 1980) e Cortesie per gli ospiti (The Comfort of Strangers 1981 - Eianudi 1983, tradotto in film nel 1991 dal regista Paul Schrader con...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore