Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Offerta imperdibile
Otello. Testo inglese a fronte - William Shakespeare - copertina
Otello. Testo inglese a fronte - William Shakespeare - copertina
Dati e Statistiche
Fuori di libri Post sulla Community Fuori di libri
Wishlist Salvato in 433 liste dei desideri
Disponibilità immediata
Otello. Testo inglese a fronte
8,55 €
-5% 9,00 €
8,55 € 9,00 € -5%
Disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
8,55 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Max 88
9,00 € + 4,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Lin Bookstore
9,00 € + 4,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
IL PAPIRO
9,00 € + 7,00 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
8,55 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Max 88
9,00 € + 4,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Lin Bookstore
9,00 € + 4,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
IL PAPIRO
9,00 € + 7,00 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Nome prodotto
8,55 €
Chiudi
Otello. Testo inglese a fronte - William Shakespeare - copertina
Chiudi

Descrizione


Nell'"Otello" la parola diventa destino e per questo, al di là dei molti temi di cui la tragedia è ricca (dallo studio della gelosia alla rappresentazione dell'operare del male, dall'analisi della follia alla percezione di quella grande crisi di trasformazione, di quel passaggio dal Medioevo all'età moderna che è alla base dell'arte shakespeariana), essa offre il suo più straordinario contributo nel proporre una nuova, moderna immagine di eroe tragico. Un eroe che cade perché non riesce a leggere il mondo e perciò a conoscerlo. Esso è per lui una sfinge, un enigma, e la parola è mistero e inganno, illusione e simulazione, apparenza che però incide sulla realtà e la distorce, rendendo la conoscenza impossibile e portando alla catastrofe. Il percorso tragico non è più determinato da un fato esterno all'uomo ma dall'incapacità dell'uomo (ormai solo, in un universo senza dei) di decifrare il testo-mondo.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

11
2013
Tascabile
5 giugno 2013
VIII-301 p., Brossura
9788807900440

Valutazioni e recensioni

StefaniaS
Recensioni: 5/5
Il dramma della gelosia

In quanti uomini, ancora oggi, "il mostro dagli occhi verdi" arma il loro braccio contro la donna che dicono di amare? Una tragedia senza tempo.

Leggi di più Leggi di meno
OndinaRosa
Recensioni: 5/5
Imperdibile

Imperdibile

Leggi di più Leggi di meno
mto
Recensioni: 5/5
OTELLO di W. Shakespeare

La storia del "Moro di Venezia" è da sempre ritenuta una delle più belle storie d'amore, portate ad un tragico esito per colpa di un personaggio tipicamente malvagio. Se prendiamo il testo e lo leggiamo attentamente, cercando di staccarci quanto più possibile dalle idee e dagli stereotipi di cui abbiamo spesso sentito parlare e che ci hanno sempre dato fin dai tempi della scuola, ci accorgiamo che Otello è tutt'altro che una storia d'amore. Iago odia Otello perché è nero, perché non lo ha scelto al posto di Cassio come suo Luogotenente e perché "si dice in giro" che sia stato a letto con sua moglie, Emilia. Ma di questo ultimo dettaglio, non abbiamo prove, è un misero sospetto di Iago. E così è la gelosia crescente e malata di Otello, priva di fondamenti: Otello si fida ciecamente delle parole di Iago, e non mette mai in dubbio la verità di quelle affermazioni. Anzi premedita l'omicidio insieme a Iago in più occasioni, fino addirittura a lasciarsi consigliare dall'alfiere di ucciderla strangolandola invece di farla a pezzi (IV.1, vv. 173-211). La stessa Desdemona viene accusata e uccisa senza sapere quale "peccato" possa aver commesso ma difende sempre e comunque l'uomo che la uccide, anche sul letto di morte (V.2, p. 251). Il finale è la vera rivelazione degli intenti shakespeariani: Otello si autogiustifica come "assassino d'onore" (V.2, vv. 290-292), quasi a dire: "Se mi avesse davvero tradito, sarebbe stato giusto ucciderla". Otello non è una storia d'amore, ma è la storia di un femminicidio come ne accadono tanti a tutt'oggi.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,6/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(10)
4
(4)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

William Shakespeare

1564, Stratford upon Avon

Nacque da John, guantaio e piccolo proprietario terriero e da Mary Arden, di famiglia socialmente più elevata di quella del marito. Terzo di otto fratelli, studiò nella scuola di Stratford, che dovette forse abbandonare per sopravvenute ristrettezze economiche. A 18 anni si sposò con la venticinquenne Anne Hathaway da cui ebbe subito la prima figlia Susan, causa delle affrettate nozze, e nel 1585 i due gemelli Judith e Hamnet, morto poi nel 1596. Fino al 1592 non ci sono notizie attendibili; certo è che a questa data aveva ormai lasciato famiglia e paese natio per trasferirsi a Londra, dove era in contatto con l’ambiente degli University Wits. Nel periodo della peste (1593-94) scrisse due opere poetiche dedicate al duca di Southampton:...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Inserisci la tua mail

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore