Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Salvato in 54 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Quello che possiedi
16,15 € 17,00 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+160 punti Effe
-5% 17,00 € 16,15 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
16,15 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
16,15 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Quello che possiedi - Caterina Soffici - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Quello che possiedi Caterina Soffici
€ 17,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione


Un'antica villa sulle colline di Firenze. Dentro quelle stanze si è incagliata la vita di una donna che solo trovando il coraggio di rompere i legami con il passato può riscattare la propria esistenza e salvare quella della figlia.

Troppa bellezza ammazza i luoghi e chi li abita.

Clotilde ha ottantadue anni e la malattia non l'ha cambiata troppo: è algida, elegante, impeccabile ed eccentrica come è sempre stata. Il tempo ha solo sbiadito i segni della sua bellezza. Olivia, sua figlia, è in piena crisi di mezza età: vegetariana, ossessionata dalla forma fisica, corre per non pensare al rapporto traballante con il marito e alla propria vita intrappolata in un vicolo cieco. Quando in una mattina di autunno Clotilde sparisce da Villa del Grifo, la dimora sulle colline di Firenze che appartiene da secoli alla famiglia, nessuno sa spiegarsi il perché. Anche da giovane amava partire a bordo della sua Lancia Aurelia in viaggi molto chiacchierati dagli avventori del bar tabacchi delle Tre Vie. Ma questa volta è diverso, tutti lo capiscono subito: questa fuga ha a che fare con la sua giovinezza. Nel suo passato è successo qualcosa di doloroso che ha sempre cercato di nascondere dietro le formalità e i rituali della vita altoborghese, tra mondanità e viaggi. Ora che la fine si avvicina, Clotilde deve fare i conti con i suoi demoni. E Olivia è inevitabilmente coinvolta nella ricerca della verità. Perché il passato della madre riguarda anche la figlia. Sua la scelta se continuare sulla strada delle menzogne e dei silenzi o prendere in mano il proprio destino, per dimostrare prima di tutto a sé stessa che ognuno è in grado di scrivere il proprio futuro e trovare la libertà. Caterina Soffici svela le ferite nascoste sotto una bellezza insidiosa per raccontare un'intensa storia di ribellione e riscatto al femminile.

Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2021
29 aprile 2021
256 p., Brossura
9788807034374

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Renato Mastrulli
Recensioni: 5/5

Caterina Soffici ha uno stile netto che rappresenta la realtà con tratti decisi. La sua scrittura è molto fluida e soprattutto coinvolgente. Mi è piaciuto molto il fatto che all'inizio la narrazione è al presente per immergere subito il lettore nel tempo della storia. L'inizio è per giunta uno sguardo sul finale che si comprende appieno solo arrivando alle ultime pagine, quando si ha la sensazione di una storia senza fine, un cerchio che si chiude, e ti ritrovi come nell'occhio del ciclone. Dove tu puoi star fermo e tutto intorno a te gira. La storia affascina per le diverse sfaccettature dei personaggi e perché il finale è aperto, ogni lettore può farsi la sua idea su quale sarà la sorte di Olivia dopo la morte di Clotilde. La donna può restare nel circolo vizioso della vita nobiliare a Villa del Grifo o riuscire a scappare da quell'ambiente, magari sospinta da una voluta del ciclone più forte. In più punti l'autrice inserisce frasi al presente per riportare i pensieri delle protagoniste, come fossero in presa diretta. Infatti la Soffici si eclissa dietro le parole e sembra di assistere a scene di vita familiare dall'interno, stando a Villa del Grifo. Così si comprende quanto la bellezza e il lusso possano condizionarti e incatenarti. Così si scoprono le brutture e i malesseri che Clotilde ha vissuto. Così si scopre che dietro l'immagine di contessa algida e severa, si celano le fragilità e i sentimenti di una donna. Si sente a pelle il disagio della contessa e la voglia di Olivia di una vita normale. Spicca l'affetto che la domestica Anita nutre per la ragazza in contrasto al distacco di Clotilde che al principio non riesce ad amarla. Si delineano a poco a poco le somiglianze fra Clotilde e sua figlia: entrambe stanno bene solo allontanandosi dalla villa, vorrebbero lasciarla per sempre, vorrebbero cavarsela da sole, non riescono a dimostrarsi affetto. Eppure ci sono dei punti in cui la maschera cade, in particolare mi ha colpito il modo in cui Clotilde comincia ad amare sua figlia e alla fine il modo in cui Olivia tratta la madre dimostrando affetto. Mi preme dire che questa è una storia di abusi sulle donne che lasciano il segno nell'arco di una vita e fra gli eventi futili quotidiani. L'autrice è stata eccelsa nel ritrarre ogni aspetto per dare un quadro completo dove quei segni colpiscono con le loro ripercussioni psicologiche. Un profumo, un gesto, un suono destano la paura inculcata goccia a goccia con soprusi e percosse. Con effetti che si tramandano di generazione in generazione. Al riguardo merita una nota particolare un paragrafo verso la fine, narrato in prima persona. In questo modo l'autrice si distacca dall'uomo e dai suoi pensieri e, non interponendo filtri, dimostra la nocività di un'indole orribile e brutale togliendo il velo di stereotipi con cui purtroppo si ammanta nella realtà fino a giustificare i femminicidi. Non si può dire che sia un'interpretazione, è la vera natura di chi compie simili abusi e delitti. Per concludere, secondo me la storia è una metafora del viaggio che si fa per avere nuovi occhi, per citare Marcel Proust. Consiglio la lettura di questo libro perché è una storia cruda per guardare dritto in faccia le brutture degli abusi e scorgere il potere degli affetti sinceri che possono illuminare la nostra vita.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Caterina Soffici

 Crede nel potere delle parole di cambiare la vita e per questo collabora con il Ministry of Stories, il laboratorio di East London dove si insegna a bambini e ragazzi l’importanza della creatività, del racconto e della memoria. Collabora con "La Stampa" e “Vanity Fair”. Per Feltrinelli ha pubblicato Ma le donne no (2010), Italia yes Italia no (2014), Nessuno può fermarmi (2017) e Quello che possiedi (2021).Fonte immagine: sito editore Feltrinelli

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore