Img Top pdp IT book
Salvato in 24 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Satire
7,60 € 8,00 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+80 punti Effe
-5% 8,00 € 7,60 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
7,60 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
7,60 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Satire - Ludovico Ariosto - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

€ 8,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Dettagli

1990
Tascabile
28 marzo 1990
128 p.
9788817167611

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
GIANLUCA COGONI
Recensioni: 5/5

La satira, secondo gli intellettuali romani, era l'unico genere letterario totalmente latino, poiché non mutuato da modelli greci (v. Quintiliano, rètore latino del I sec. d.C.). Scrissero satire sia autori antichi (Orazio, Persio, Giovenale, etc.), sia autori moderni (Boileau, Alfieri, etc.), tra i quali L. Ariosto. Egli, tra il 1517 e il 1525, compose, in terza rima, sette piacevolissime e argute satire, nelle quali il poeta racconta il proprio rifiuto nel seguire il cardinale Ippolito d'Este in Ungheria e la conseguente rottura con lo stesso (satira 1), affronta il tèma della vita cortigiana (satira 2), analizza il proprio lavoro e il diniego della carriera ecclesiastica (satira 3), si lamenta della sua condizione in Garfagnana (satira 4), discorre della vita coniugale (satira 5), chiede al letterato Pietro Bembo consulenza su un insegnante di greco per il figlio (satira 6), spiega le ragioni del suo rifiuto verso l'incarico di ambasciatore della famiglia d'Este a Roma ed esprime il desiderio di rientrare a Ferrara. La lunghezza delle satire varia da 181 a 328 versi. Guido Davido Bonino, docente di Storia del teatro nell'ateneo torinese, correda il testo di un puntuale commento e di un'essenziale introduzione.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Ludovico Ariosto

1474, Reggio Emilia

Il padre, il conte Niccolò Ariosto, di famiglia nobile ma non ricca, era capitano della cittadella di Reggio nell'Emilia. Qui, dal 1500 al 1503, Ludovico avrebbe avviato una carriera militare per mantenersi e successivamente, fino al 1517, avrebbe svolto il servizio presso il cardinale Ippolito d'Este, fratello del duca Alfonso I. Fu indirizzato dal padre allo studio delle leggi ma, dopo cinque anni di studi stentati, riuscì ad ottenere dal padre il permesso di dedicarsi a tempo pieno alla letteratura.Nel 1500 il padre morì e l'Ariosto, come primogenito, dovette provvedere al mantenimento di una famiglia che era ben numerosa.Con l'aiuto del fratello Galasso, imparò ad amministrare i beni di famiglia, procurò una sistemazione a fratelli e cospicue doti alle...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore