Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Stripe top pdp Libri IT
Caro Pier Paolo - Dacia Maraini - copertina
Caro Pier Paolo - Dacia Maraini - copertina
Dati e Statistiche
Fuori di libri Post sulla Community Fuori di libri
Wishlist Salvato in 76 liste dei desideri
Disponibilità immediata
Caro Pier Paolo
17,10 €
-5% 18,00 €
17,10 € 18,00 € -5%
Disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,10 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Diraco Store
17,25 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 1 gg lavorativi disponibile in 1 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Max 88
18,00 € + 4,50 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
OCCASIONI SICURE
17,10 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
LIBRERIA KIRIA
18,00 € + 4,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,10 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Diraco Store
17,25 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 1 gg lavorativi disponibile in 1 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Max 88
18,00 € + 4,50 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
OCCASIONI SICURE
17,10 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
LIBRERIA KIRIA
18,00 € + 4,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Caro Pier Paolo - Dacia Maraini - copertina
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


Maraini costruisce questa confessione delicata come una corrispondenza senza tempo, in cui tutto è presente e vivo.

«Caro Pier Paolo, ho in mente una bellissima fotografia di te, solitario come al solito, che cammini, no forse corri, sui dossi di Sabaudia, con il vento che ti fa svolazzare un cappotto leggero sulle gambe. Il volto serio, pensoso, gli occhi accesi. Il tuo corpo esprimeva qualcosa di risoluto e di doloroso. Eri tu, in tutta la tua terribile solitudine e profondità di pensiero. Ecco io ti immagino ora cosí, in corsa sulle dune di un cielo che non ti è piú ostile.» – Dacia Maraini

«In questo suo bellissimo “Caro Pier Paolo” Dacia Maraini lacera il velo che separa chi è vissuto e chi sopravvive nella maniera più diretta, che è quella della lettera, per essere più precisi delle lettere, forse perché nemmeno ai morti si può dire tutto in una sola volta, è necessario rinnovare le occasioni e riprendere fiato.» – Emanuele Trevi, La Lettura - Il Corriere della Sera

Pier Paolo Pasolini è un autore di culto anche per i più giovani. La sua è stata una vita fuori dagli schemi: per la forza delle sue argomentazioni, l’anticonformismo, l’omosessualità, la passione per il cinema, la sua militanza e quella morte violenta e oscura. Sono passati cento anni dalla sua nascita, e quasi cinquanta dalla sua scomparsa. Eppure è ancora vivo, nitido, tra noi, ancora capace di dividere e di appassionare. Di quel mondo perduto, degli amici che lo hanno frequentato, della società letteraria di cui ha fatto parte, c’è un’unica protagonista, che oggi ha deciso di ricordare e raccontare: Dacia Maraini.
Dacia Maraini è stata una delle amiche piú vicine a Pier Paolo. E in queste pagine la scrittrice intesse un dialogo intimo e sincero capace di prolungare e ravvivare un affetto profondo, nutrito di stima, esperienze artistiche e cinematografiche, idee e viaggi condivisi con Alberto Moravia e Maria Callas alla scoperta del mondo e in particolare dell’Africa.
Nelle lettere a Pier Paolo che definiscono l’architettura narrativa del libro hanno un ruolo centrale i sogni che si manifestano come uno spazio di confronto, dove affiorano con energia i ricordi e si uniscono alle riflessioni che la vita, il pensiero e il mistero sospeso della morte di Pasolini ispirano ancora oggi all’autrice. Lo stile intessuto di grazia e dolcezza, ma anche di quella componente razionale e ferma, caratteristica della scrittura di Dacia, fanno di questo disegno della memoria che unisce passato, presente e futuro non solo l’opera piú significativa, ma l’unica voce possibile per capire oggi chi è stato davvero un uomo che ha fatto la storia della cultura del Novecento.

Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2022
3 marzo 2022
240 p., Brossura
9788854523357

Valutazioni e recensioni

 GaiaC
Recensioni: 5/5
Epistolario appassionato

"Mi piace terminare con questa immagine felice il nostro breve incontro tra i sogni di tante notti che hanno seguito la tua morte. Addio, Pier Paolo, e che la morte ti sia più benigna della vita. Con affetto, Dacia." Un epistolario appassionato che fa emergere un Pasolini inedito, descritto dalle parole di una cara amica. C'è la gioia, ci sono i ricordi, e il dolore pieno di dubbi per gli eventi del 2 novembre 1975, il tutto narrato dalla scrittura magistrale di Dacia Maraini. Una lettura consigliata.

Leggi di più Leggi di meno
 Clizia
Recensioni: 3/5
Un ricordo personale, una prospettiva, ma non esaustiva della profondità

La cornice onirica dell' amarcord da suggestiva diviene artificiosa dopo i tre quarti del libro, tanto da incorniciare qua e là le uniche perle di verità offerte dalle parole stesse di Pasolini, resistenti con una potenza propria e universale a qualsiasi operazione sia pure amichevole di incastonarle in un ricordo personale. La sua omosessualità e l'affetto per la madre vengono indagati con una psicoanalisi spiccia e fastidiosa, artificiosa nella retorica letteraria un po' obsoleta che scomoda i soliti miti greci... Molto di più dice la granitica cinematografia di una madre amata con affetto evangelico da parte di un uomo il cui percorso interiore aveva raggiunto vette spirituali magari insospettabili e dallo stesso rinnegate nella contingenza della sua fisicità, ma innegabili, e che andavano ben oltre l' immagine un po' pittoresca e suggestiva che il libro restituisce in una Bohème anni '70. Sincero, tuttavia , si evince il dolore per la perdita, che il lettore empaticamente non può che condividere , amando ancora di più questo grande Poeta e considerando privilegiata la condizione di chi ha condiviso con lui quotidianità, vita professionale, sogni e fragilità.

Leggi di più Leggi di meno
Lo
Recensioni: 5/5
Emozionante

Emozionante, chissà se un amico o un’amica, in un futuro lontano, mi ricorderà in questo modo, ovvero presente. Le lettere che l’autrice scrive a Pier Paolo non sono memorie del passato, parla sempre al presente facendo scoprire un Pasolini dall’anima gentile, mite, poetica ed allo stesso tempo soffocato dal senso di colpa. L’autrice ricorda che l’amore sconfinato che Pasolini nutre per la madre ha fatto sì che l’unione con le donne non sarebbe stato altro che una violazione della propria madre, solo in età matura azzarda l’ipotesi che fu proprio il padre amatissimo nei primi anni della sua infanzia a segnare le sue scelte sessuali. Figure femminili come Elsa Morante, Silvana Mauri Ottieri, Laura Betti, Maria Callas saranno molto importanti per Pasolini ma non da essere annoverate nella sua sfera amorosa. La scrittrice parla dei viaggi compiuti insieme a Pier Paolo e Moravia, in Africa, India, Yemen, paesi in cui Pasolini ritrovava una natura intatta e un popolo non ancora corrotto dal consumismo e dal capitalismo. Grazie a Dacia Maraini che mi ha fatto conoscere, apprezzare ed amare ancora di più Pier Paolo Pasolini.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(1)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Dacia Maraini

1936, Fiesole

Dacia Maraini è autrice di romanzi, racconti, opere teatrali, poesie e saggi, tradotti in oltre venti paesi. La madre, Topazia, era pittrice e apparteneva a un’antica famiglia siciliana; il padre, Fosco Maraini, era un etnologo che, vinta una borsa di studio, nel 1938 trasferisce la famiglia in Giappone per portare avanti uno studio sugli Hainu, una popolazione in via di estinzione stanziata nell’Hokkaido. Ma nel 1943 il governo giapponese, in base al patto d'alleanza cha ha stipulato con Italia e Germania, chiede ai coniugi Maraini di firmare l’adesione alla Repubblica di Salò, e poiché i due rifiutano, vengono internati insieme alle tre figlie in un campo di concentramento a Tokyo, dove patirono la fame. Nella sua collezione di poesie...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Inserisci la tua mail

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore