Img Top pdp IT book
Salvato in 111 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Chi ha paura muore ogni giorno. I miei anni con Falcone e Borsellino
10,92 € 11,50 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+110 punti Effe
-5% 11,50 € 10,92 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
10,92 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
10,92 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Chi ha paura muore ogni giorno. I miei anni con Falcone e Borsellino - Giuseppe Ayala - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Chi ha paura muore ogni giorno. I miei anni con Falcone e Borsellino Giuseppe Ayala
€ 11,50
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Sono passati quindici anni dalla terribile estate che, con i due attentati di Punta Raisi e di via d'Amelio, segnò forse il momento più drammatico della lotta contro la mafia in Sicilia. Giovanni Falcone e Paolo Borsellino restano due simboli, non solo dell'antimafia, ma anche di uno Stato italiano che, grazie a loro, seppe ritrovare una serietà e un'onestà senza compromessi. Ma per Giuseppe Ayala, che di entrambi fu grande amico, oltre che collega, i due magistrati siciliani sono anche il ricordo commosso di dieci anni di vita professionale e privata, e un rabbioso e mai sopito rimpianto. Ayala rappresentò in aula la pubblica accusa nel primo maxi-processo, sostenendo le tesi di Falcone e del pool antimafia di fronte ai boss e ai loro avvocati, interrogando i primi pentiti (tra cui Tommaso Buscetta), ottenendo una strepitosa serie di condanne che fecero epoca. E fu vicino ai due magistrati in prima linea quando, dopo questi primi, grandi successi, la reazione degli ambienti politico-mediatici vicini a Cosa Nostra, la diffidenza del Csm e l'indifferenza di molti iniziarono a danneggiarli, isolarli. Per la prima volta, Ayala racconta la sua verità, non solo su Falcone e Borsellino, che in queste pagine ci vengono restituiti alla loro appassionata e ironica umanità, ma anche su quegli anni, sulle vittorie e i fallimenti della lotta alla mafia, sui ritardi e le complicità dello Stato, sulle colpe e i silenzi di una Sicilia che, forse, non è molto cambiata da allora.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2009
Tascabile
13 settembre 2017
200 p., ill. , Brossura
9788804683117

Valutazioni e recensioni

4,49/5
Recensioni: 4/5
(5)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(4)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
Alex Bernardini
Recensioni: 5/5

Gli avvenimenti più significativi del contrasto e della lotta alla mafia sono raccontati in modo chiaro e lineare da un protagonista discusso ma fondamentale nella costruzione di questo percorso. Allo stesso tempo, la narrazione del rapporto tra Ayala e i colleghi Falcone e Borsellino ripercorre in ogni istante l'impegno che essi hanno mantenuto fino alla fine per giungere al termine di una battaglia che oggi è nelle nostre mani e che noi abbiamo il dovere di affrontare in qualsivoglia situazione, per far sì che il sacrificio di numerosi uomini e donne non sia vano.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 5/5

Questo è il libro che ogni italiano dovrebbe avere sul suo comodino e che, pur avendolo già letto, dovrebbe sfogliare di tanto in tanto. La storia che tutti conosciamo, resa ancora più viva e vicina attraverso la testimonianza di chi è stato al loro fianco in quei terribili giorni di conto alla rovescia verso la fine. Una rappresentazione umana, talvolta fuori dalla figura giuridica, con molti aneddoti e una velata malinconia. Molto chiari e semplici anche i riferimenti politici dell'epoca che molti giovano oggi non conoscono o che non ricordano più. Davvero bello.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 3/5

Un libro abbastanza difficile da leggere . Io leggo la sera , per passarmi il tempo e riflettere , questo libro di Ayala ( valutato come un best ) non lo trovo attraente . Si perde troppo in un bicchier d'acqua ... PS Se le prime 30 pagine ti attirano , leggere il libro diventa una passeggiata

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,49/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(4)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Giuseppe Ayala

1945, Caltanissetta

Negli anni Ottanta, ha fatto parte per tutta la sua durata del pool antimafia della procura di Palermo. È stato deputato e senatore per quattro legislature e sottosegretario alla Giustizia dal 1996 al 2000. Da Mondadori ha pubblicato, con il giornalista Felice Cavallaro, "La guerra dei giusti" (1993), il bestseller "Chi ha paura muore ogni giorno" (2008) e "Troppe coincidenze" (2013).

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore