Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Offerta imperdibile
disponibile in 3 settimane disponibile in 3 settimane
Info
Escuderos de la libertad. Ediz. spagnola e italiana
19,00 € 20,00 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+190 punti Effe
-5% 20,00 € 19,00 €
disp. in 3 settimane disp. in 3 settimane
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
19,00 €
disponibile in 3 settimane disponibile in 3 settimane
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
19,00 €
disponibile in 3 settimane disponibile in 3 settimane
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Escuderos de la libertad. Ediz. spagnola e italiana - Hebe Munoz - copertina
Chiudi

Descrizione


Artisti, professionisti, genitori, studenti, lavoratori: tutti venezuelani con scudi colorati, in piedi alla vita, innalzando il nome del Venezuela, perché tutti, proprio tutti insieme, anche se ognuno nel proprio vivere, stiamo denunciando con la nostra vita e sulla nostra pelle questo grande amore per la nostra patria. E tutti stiamo portando avanti la Buona battaglia. I miei versi vogliono essere un omaggio per questi eroi e un profondo ringraziamento per il loro agguerrito coraggio.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2018
7 maggio 2018
300 p., Brossura
9788892344563

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Francesco Nigri
Recensioni: 5/5

In Hebe Munoz e nei suoi versi vi è un profondo senso di Popolo. Che determina un senso di Patria senza eguali. Libero da populismi, popolarismi e accenti partitici oltre che ideologici. È senso di condivisione di stessa “pelle d’anima” con una storia comune, un vissuto comune, aspirazioni e difficoltà comuni. Va oltre il senso del ricordo dei luoghi, della malinconia dei profumi, dei colori. È aspirazione al meglio, ovunque ci si trovi e in qualsiasi condizione ci si trovi. Con una prontezza di “scatto di reni” di fare che non è orgoglio ma stesso filo temporale e geografico. Pur nelle lontananze di fusi e Paesi. La venezuelanità di Hebe Munoz in questo diventa quasi anima della latinità comunemente conosciuta. E nella sua italianità ha trovato un modo impregnato di grazia per esprimersi. Lungi da spinte partitiche, ESCUDEROS è un’opera certamente politica nel senso più puro del termine. Di grande sensibilità per il Popolo venezuelano e la tragedia che il Venezuela sta vivendo. Opera politica perchè il Venezuela ha bisogno oggi di una spinta politica interna e soprattutto internazionale di grande afflato democratico. Ha bisogno proprio del riconoscimento di quel senso di Popolo, di “pelle d’anima” che ho avuto il gusto piacevole di conoscere nei versi di Hebe Munoz. Questa infatti la dedica importante del libro: ESCUDEROS de la Libertad. Giovani e ragazzi morti a decine nel 2017, uccisi dal regime. E decine e decine ancora ad arresti immotivati e dispersi in carcere. Solo per aver difeso e manifestato per un Popolo, per quel senso di comune “pelle d’anima” che fa un Popolo. Giovani che non hanno conosciuto mai un regime politico diverso, che non hanno manifestato per le strade per alternative partitiche. Ma per difendere diritti inviolabili come quello alla salute, alla studio, alla parola, all’informazione, al lavoro, alla vita stessa. Con lo strumento più naturale e psicologicamente disarmante: scudi, di cartone, di compensato. Colorati dei colori di quel senso di Popolo che ha richiesto proprio lì quello “scatto di reni” irrinunciabile e improrogabile. Questi giovani, questi Escuderos sono il simbolo incarnato di questo senso di Popolo. Ed ogni Venezuelano oggi vi si riconosce. La Poesia di Hebe Munoz oggi lo versa nella Storia. Lo versa con aneliti, con voglia di ritorno al viversi da Popolo. In tutti quei luoghi violati dalla violenza del regime dittatoriale e dai suoi fallimenti economici. Dal Gran Café de Savana Grande, simbolo della serenità delle chiacchierate notturne all’aria aperta, ai Boulevard del passeggio, oggi invasi di gente alla ricerca di cibo nei sacchi della spazzatura. E lo versa con le lacrime della stessa “pelle d’anima” ricordando i morti, i funerali vietati, i bambini uccisi, le donne violentate, gli uomini desaparecidos. Ma sempre con una grande speranza: il Ritorno al Meglio, al Giusto, alla Vita di un Popolo. Vi è poi la Prefazione importante di Antonio Ledezma che, attento a non scendere in toni partitici, parla della sua esperienza di politico e uomo. Un Sindaco, anzi il Sindaco della Città Metropolitana di Caracas arrestato dal regime, imprigionato in un carcere di massima sicurezza, torturato e poi rocambolescamente fuggito all’estero. In esilio. Da dove oggi organizza la Diaspora Venezuelana per quell’afflato democratico internazionale di cui il Venezuela ha bisogno. Con Hebe Munoz, la Poesia del Venezuela libero.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore