Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Offerta imperdibile
L' isola del giorno prima - Umberto Eco - copertina
L' isola del giorno prima - Umberto Eco - 2
L' isola del giorno prima - Umberto Eco - 3
L' isola del giorno prima - Umberto Eco - 4
L' isola del giorno prima - Umberto Eco - copertina
L' isola del giorno prima - Umberto Eco - 2
L' isola del giorno prima - Umberto Eco - 3
L' isola del giorno prima - Umberto Eco - 4
Dati e Statistiche
Fuori di libri Post sulla Community Fuori di libri
Wishlist Salvato in 146 liste dei desideri
Disponibilità immediata
L' isola del giorno prima
12,35 €
-5% 13,00 €
12,35 € 13,00 € -5%
Disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
12,35 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
La Libreria Talpa
11,00 € + 6,50 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
12,35 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
La Libreria Talpa
11,00 € + 6,50 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
L' isola del giorno prima - Umberto Eco - copertina
L' isola del giorno prima - Umberto Eco - 2
L' isola del giorno prima - Umberto Eco - 3
L' isola del giorno prima - Umberto Eco - 4
Chiudi

Descrizione


"Ogni epoca ha i classici che si merita, spero che noi meritiamo L'isola del giorno prima. Questo romanzo appartiene alla grande tradizione dei contes filosofici come I viaggi di Gulliver di Swift, Rasselas di Johnson e Candide di Voltaire."
Robert Kelly, The New York Times


Nell'estate del 1643 un giovane piemontese naufraga, nei mari del sud, su di una nave deserta. Di fronte a lui un'Isola che non può raggiungere. Intorno a lui un ambiente apparentemente accogliente. Solo, su un mare sconosciuto, Roberto de la Grive vede per la prima volta in vita sua cieli, acque, uccelli, piante, pesci e coralli che non sa come nominare. Scrive lettere d'amore, attraverso le quali si indovina la sua storia: una lenta e traumatica iniziazione al mondo secentesco della nuova scienza, della ragion di stato, di un cosmo in cui la terra non è più al centro dell'universo. Roberto vive la sua vicenda tutta giocata sulla memoria e sull'attesa di approdare a un'Isola che non è lontana solo nello spazio, ma anche nel tempo.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2014
Tascabile
26 novembre 2014
473 p., Brossura
9788845278679

Valutazioni e recensioni

RafDob
Recensioni: 4/5
Da leggere

A questo romanzo, come un po' tutti quelli di Eco, non si può approcciare con superficialità. Il racconto è costruito in modo magistrale e accompagna il lettore nel viaggio compiuto agli Antipodi da Roberto, giovane di Casal Monferrato, inviato dal cardinal Mazzarino a scoprire il segreto della Longitudine. Si è nel 1640 e all'epoca tutti i principali stati europei si contendevano il governo del mare e riuscire a calcolare con precisione la longitudine era decisivo per poter navigare verso terre sconosciute come quella Australe.

Leggi di più Leggi di meno
ROSARIA BELLARTE
Recensioni: 5/5

Ho letto tutti i libri di Umberto Eco. Mi mancava questo, che non mi ha delusa!

Leggi di più Leggi di meno
Raffaele Dobellini
Recensioni: 4/5

A questo romanzo, come un po' tutti quelli di Eco, non si può approcciare con superficialità. Il racconto è costruito in modo magistrale e accompagna il lettore nel viaggio compiuto agli Antipodi da Roberto, giovane di Casal Monferrato, inviato dal cardinal Mazzarino a scoprire il segreto della Longitudine. Si è nel 1640 e all'epoca tutti i principali stati europei si contendevano il governo del mare e riuscire a calcolare con precisione la longitudine era decisivo per poter navigare verso terre sconosciute come quella Australe. Il racconto inizia con il naufragio della Amarilli, la nave su cui era imbarcato Roberto. Il protagonista si ritroverà naufrago su un'altra nave, la Daphne, a sua volta naufragata di fronte a un'isola. Sulla nave Roberto troverà di cosa vivere, ma l'assenza delle scialuppe di salvataggio gli impedirà, non sapendo nuotare, di giungere sull'isola. Roberto trascorre i propri giorni di naufragio scrivendo una sorta di diario indirizzato a Lilia, nobildonna conosciuta a Parigi nel salotto intellettuale che ella teneva nella propria dimora. Roberto si era ben presto invaghito della donna, ma proprio la partecipazioni a quelle riunioni divennero occasione per il cardnal Mazzarino per costringere il giovane casalese ad imbarcarsi nello sfortunato viaggio. il diario ricostruirà la vita di Roberto dall'assedio di Casale, al viaggio a Parigi e fino al triste epilogo in tessa australe. L'autore finge di aver ricevuto il diaro di Roberto, molto spesso lacunoso, e di essere partito da questo per narrare le sorti del giovane naufrago, essendo spesso però costretto a ricorrere alla propria immaginazione per colmare le lacune. L'opera risulta essere un romanzo sull'arte di romanzare, sull'arte della logica, sull'uso dell'iperbole, del paradosso, del segno, del simbolo. Eco sembra riversare nell'opera la sua passione di semiologo e questo, se da un lato rende l'opera del tutto peculiare, dall'altro appesantisce la lettura. Certo l'uso sapiente delle parole, delle espressioni, così come i confronti dialettici tra i tanti eruditi che Roberto incontra, rendono l'opera interessante, ma indubbiamente la rendono difficoltosa per il lettore medio. Interessanti le assonanze con opere come Robinson Crusoe, I tre moschettieri, Notre Dmae de paris, La Maschera di ferro, Il conte di Montecristo. Piccoli omaggi a celebri racconti. Affascinante il lavoro sul concetto del sosia e dell'alter-ego, che trova la sua esplicazione nella figura di Ferrante, fratello immaginario di Roberto e sul quale il naufrago fa ricadere la colpa delle proprie sfortune. Tutta la parte finale dell'opera, del resto, non è più narrazione delle presunte vicende di Roberto, ma racconto onirico degli episodi di Ferrante. Un romanzo certamente da consigliare a tutti gli appassionati di letteratura e per gli amanti della parola.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,44/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(5)
4
(2)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Umberto Eco

1932, Alessandria

Critico, saggista, scrittore e semiologo di fama internazionale. A ventidue anni si è laureato all'Università di Torino con una tesi sul pensiero estetico di Tommaso d'Aquino. Dopo aver lavorato dal 1954 al 1959 come editore dei programmi culturali della Rai, negli anni Sessanta ha insegnato prima presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Milano, poi presso la Facoltà di Architettura dell'Università di Firenze. Infine presso la Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano. Inoltre, ha fatto parte del Gruppo 63, rivelandosi un teorico acuto e brillante.Dal 1959 al 1975 ha lavorato presso la casa editrice Bompiani, come senior editor. Nel 1975 viene nominato professore di Semiotica all'Università di Bologna, dove...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Inserisci la tua mail

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore