Img Top pdp IT book
Salvato in 26 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
La scomparsa di Josef Mengele
11,88 € 12,50 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+120 punti Effe
-5% 12,50 € 11,88 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,88 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,88 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
La scomparsa di Josef Mengele - Olivier Guez - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

La scomparsa di Josef Mengele Olivier Guez
€ 12,50
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Romanzo vincitore del prestigioso Prix Renaudot, La scomparsa di Josef Mengele si immerge fino in fondo nel cuore di tenebra del secolo trascorso.

«La mente malefica di Mengele messa a nudo». - la Repubblica

«Guez ci fa entrare nella mente di un criminale a cui bastava un cenno per decidere le sorti di un condannato a morte per Auschwitz». - Il Foglio

«Ci sono libri duri, ma necessari. È il caso di La scomparsa di Josef Mengele di Olivier Guez». - Il Sole 24 Ore

Buenos Aires, giugno 1949. Nella gigantesca sala della dogana argentina una discreta fetta di Europa in esilio attende di passare il controllo. Sono emigranti, trasandati o vestiti con eleganza, appena sbarcati dai bastimenti dopo una traversata di tre settimane. Tra loro, un uomo che tiene ben strette due valigie e squadra con cura la lunga fila di espatriati. Al doganiere l'uomo mostra un documento di viaggio della Croce Rossa internazionale: Helmut Gregor, altezza 1,74, occhi castano verdi, nato il 6 agosto 1911 a Termeno, o Tramin in tedesco, comune altoatesino, cittadino di nazionalità italiana, cattolico, professione meccanico. Il doganiere ispeziona i bagagli, poi si acciglia di fronte al contenuto della valigia più piccola: siringhe, quaderni di appunti e di schizzi anatomici, campioni di sangue, vetrini di cellule. Strano, per un meccanico. Chiama il medico di porto, che accorre prontamente. Il meccanico dice di essere un biologo dilettante e il medico, che ha voglia di andare a pranzo, fa cenno al doganiere che può lasciarlo passare. Così l'uomo raggiunge il suo santuario argentino, dove lo attendono anni lontanissimi dalla sua vita passata. L'uomo era, infatti, un ingegnere della razza. In una città proibita dall'acre odore di carni e capelli bruciati, circolava un tempo agghindato come un dandy: stivali, guanti, uniforme impeccabili, berretto leggermente inclinato. Con un cenno del frustino sanciva la sorte delle sue vittime, a sinistra la morte immediata, le camere a gas, a destra la morte lenta, i lavori forzati o il suo laboratorio, dove disponeva di uno zoo di bambini cavie per indagare i segreti della gemellarità, produrre superuomini e difendere la razza ariana. Scrupoloso alchimista dell'uomo nuovo, si aspettava dopo la guerra di avere una formidabile carriera e la riconoscenza del Reich vittorioso, poiché era... l'angelo della morte, il dottor Josef Mengele.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2020
Tascabile
16 gennaio 2020
202 p., Brossura
9788865596883

Valutazioni e recensioni

3,75/5
Recensioni: 4/5
(4)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(1)
3
(2)
2
(0)
1
(0)
KATYA VETTORELLO
Recensioni: 3/5

“Ho fatto solo il mio dovere”. Il medico nazista Josef Mengele ripete questa frase con ossessione. La ripete a se stesso, a chiunque punti il dito verso di lui accusandolo di omicidio e la ripete a suo figlio, quando speranzoso cerca negli occhi del padre un barlume di pentimento. La ripete perché non capisce cosa ci sia di sbagliato in quello che ha fatto, in ciò che lui è stato. Un uomo colto e distinto, medico e antropologo, che ad Auschwitz si è messo al servizio del mondo intero. “Bisognava eliminarli tutti. In seguito i bambini sarebbero diventati uomini e le bambine madri avide di rivincita.” In "La scomparsa di Josef Mengele", finalista allo Strega EU 2018 e vincitore del Prix Renaudot 2017, Guez usa la formula del romanzo per colmare i vuoti ancora esistenti nella ricostruzione della lunga fuga del medico. Ma purtroppo del romanzo, in questo libro, c'è ben poco. C'è invece la storia vera, narrata a ritmi incalzanti, di un uomo crudele morto senza condanna che comincia il suo viaggio dopo la caduta del regime nazista e scappa da coloro che non hanno seguito Hitler, che non hanno compreso i suoi valori, che non hanno capito la Germania. Da tutti noi, che non abbiamo capito niente. “Se il pianeta intero non si fosse coalizzato contro la Germania il nazismo sarebbe ancora al potere”. Si rifugia nella parte d'America che in quegli anni accoglie criminali di ogni specie. Abita belle case, mangia ottimo cibo, dialoga con estimatori della sua scuola. Sta bene lì, si scorda quasi di ciò che è stato. Ma il mondo non si scorda di lui, anzi. Si scoprono gli orrori di Auschwitz, i testimoni parlano e raccontano cosa fece il sig. dottore per il bene della razza. Iniziano a dargli la caccia, lui si domanda perché nessuno lo difenda, pover'uomo tradito. Anzi lo allontanano tutti, il che è strano, con un carattere così buono. Adesso ha paura, tanta paura. L'ansia diventa la sua ombra che si sposta con lui di continuo, alla ricerca di rifugi sicuri. Comincia a stare male, invecchia da solo, in modo impressionante. Corpo e mente pagano i conti che lui non ha mai voluto saldare. Isolato dalla civiltà, mentre il mondo grida giustizia, l'angelo della morte vive in silenzio e, privato delle sue ali, diventa la parodia di se stesso. Difficile empatizzare, difficile intenerirsi. Doveroso non dimenticare.

Leggi di più Leggi di meno
gianni cuppini
Recensioni: 4/5

Una ricostruzione della fuga di Mengele precisa e appassionante

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 3/5

Dopo aver letto con molto interesse il bel libro di E. Asbrink "1947" (Iperborea), che in più parti riprende. tra molte altre, la questione dei nazisti "esfiltrati" dall'Europa dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale grazie a canali clandestini e complicità a vario livello, mi è venuta la curiosità di leggere anche "La scomparsa di Josef Mengele", inizialmente solo per approfondire questo aspetto, di cui ho solo vaghe e lontane reminiscenze (..."Dossier Odessa" e poco altro). Poi, nel giro di qualche pagina, sono stato avvinto dalla bravura di Olivier Guez nel ricreare la figura di Mengele e nello svelare il contesto in cui è vissuto prima e dopo la guerra, le complicità di cui ha goduto e l'incredibile fortuna che ha avuto per restare in libertà, praticamente senza che nessuno lo cercasse, sino alla morte nel 1979. L'autore è stato bravissimo nel raccontare tutto ciò con tono asciutto e senza indulgere in giudizi morali espliciti (d'altra parte, servirebbero, a fronte di tale malvagità?) ed anzi rifuggendo la tentazione fin troppo facile di dipingere Mengele e i suoi "amici" come mostri o aberrazioni umane; no, ci dice Guez, non erano mostri, o non solo, erano anche, purtroppo, esseri umani come noi. Inevitabilmente, il libro si chiude con un'amara e sconsolata riflessione proprio attorno alla questione dell'inumanità di cui è capace l'umanità (perdonate il brutto gioco di parole), e sulla necessità di mantenere il ricordo perché, purtroppo, le nuove generazioni dimenticano troppo facilmente e troppo facilmente ricadono in tentazione.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,75/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(1)
3
(2)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Olivier Guez

1974, Strasburgo

Olivier Guez è uno scrittore e sceneggiatore francese molto noto. Collabora assiduamente con "Le Monde", "Le Point" e al "New York Times". Nel 2016 ha ricevuto il premio per il cinema tedesco per la miglior sceneggiatura con il film The People vs. Fritz Bauer. In Italia è stato pubblicato da Neri Pozza il suo romanzo La scomparsa di Josef Mengele (2018) e Elogio della finta (2019).

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore