Salvato in 58 liste dei desideri
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Lo splendore del nero. Filosofia di un non-colore
11,40 € 12,00 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+110 punti Effe
-5% 12,00 € 11,40 €
disp. in 5 gg lavorativi disp. in 5 gg lavorativi
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Lo splendore del nero. Filosofia di un non-colore - Alain Badiou - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Lo splendore del nero. Filosofia di un non-colore Alain Badiou
€ 12,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Un breve e intenso trattato filosofico sulla luminosità del colore più scuro e il valore del colore più ambiguo. Il nero non è mai stato così luminoso.

«Inchiniamoci all'erede di Platone: Badiou è il più grande filosofo vivente.» - Slavoj Žižek

«Il nero simboleggia indistintamente tanto la mancanza che l'eccesso.»

Chi, durante l'infanzia, non ha fatto l'esperienza spaventosa di avanzare a tastoni nella notte nera? Alain Badiou, il più celebre filosofo francese, prende le mosse dai giochi infantili nel buio per esaminare, in brevi indimenticabili capitoli, le tante forme che il nero prende nel nostro immaginario e nella nostra cultura: il nero dell'inchiostro sulla carta e quello delle fascette sui volti nelle riviste pornografiche; il nero dei misteri cosmologici e il nero doloroso del lutto... In questo libro di straordinaria intensità, il teatro intimo del grande pensatore diviene così occasione per un'esplorazione filosofica fatta di ricordi, di sottili ragionamenti, di improvvise - è il caso di dirlo -illuminazioni, che coinvolgono la musica, la pittura, la politica, il sesso, la metafisica. Il nero non è mai stato così luminoso.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2017
23 marzo 2017
105 p., Brossura
9788868336523
Chiudi

Indice

Indice

Parte prima - Infanzia e giovinezza

I. Il nero militare

II. Suona mezzanotte

III. Il cane nero nel buio

IV. Il calamaio

V. I gessi e i pennarelli

VI. Confusioni

VII. Sessualità primativa

Parte seconda - Le dialettiche del nero

VIII. Equivoci dialettici

IX. Le anime nere

X. L'oltrenero di Soulages

XI. Bandiere

XII. Il rosso e il nero. E il bianco. E il viola

XIII. Stendhal: il rosso e il nero

XIV. Il nero desiderio di nero

Parte terza - Vestizioni

XV. Il segno nero

XVI. L'umorismo nero, ovvero nero contro nero

XVII. Esteriorità

Parte quarta - Fisica, biologia e antropologia

XVIII. Il nero metaforico del cosmo

XIX. La segreta anima nera delle piante

XX. Nero animale

XXI. Un'invenzione dei bianchi

Nota del traduttore

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Recensioni: 5/5

Dedicando più di cento pagine ad un colore, Alain Badiou dimostra di essere uno dei più brillanti pensatori di oggi. Badiou ci prende per mano e ci accompagna in un percorso che, passo dopo passo, si fa sempre più profondo e più oscuro, illuminato soltanto da scintille, appunto, di filosofia. Riesce a descrivere, attraverso il nero, frammenti della sua stessa vita e brevi e intensi squarci della vita di ognuno e della realtà di tutti i giorni. Ci immergiamo nel nero della sera del campo militare, quando l’autore, giovane sorvegliante notturno, spegneva la luce lasciando spazio a un nero rigido e spaventoso, rigoroso e severo; il nero della notte che si impone e che non lascia altra scelta che accettarlo. Descrive il nero che copriva i giochi che faceva, da bambino, con gli amici a mezzanotte. Un nero che da colorato diventava invisibile, che confondeva le forme, gli oggetti e i valori, che mischiava e rendeva indifferente tutto ciò che durante il giorno avveniva — se avveniva — definito alla luce del sole; un nero che era — ed è, sempre — in grado di isolare e annullare nel tempo il momento e di rendere lecito l’illecito, solo dopo averlo reso sacro. Passa quindi al nero della paura, nelle notti d’estate, quando a muoversi per il paese sconosciuto, Badiou, era completamente solo, in mezzo al nero che avrebbe potuto nascondere qualsiasi cosa. Il nero, poi, diventa il nero del segno, dell’inchiostro sul foglio, divenuto Lettera, del pensiero diventato Parola. Il nero scrive, lascia tracce, crea. Ma il nero, anche, provoca e cancella tutto quello che non deve essere saputo, come nella censura, o tutto quello che deve solo essere immaginato, come nella pornografia. É un nero sadico e autoritario, che tutto annulla e confonde e che non lascia spazio ad alternative. É il nero che vuole coprire e inghiottire il colore, definendosi per contrasto con il rosso, il più colorato — se fosse possibile — di questi: è il nero disperato del nazismo, delle bandiere dell’isis, dell’anarchia. Allo stesso tempo è il colore che non vuole coprire, ma escludere, i colori: è il nero ipnotico dell’incomprensibile e simbolo dell’assenza del bianco, della luce, della vita. É il nero del lutto. É il colore della morte e delle tenebre, ma può essere anche qualcosa che, sfidando se stesso, talvolta, ci salva: quando è humor nero. Il nero è eleganza e indiscutibile e puntuale adeguatezza. Il nero è il colore pericoloso dei bassifondi delle città, degli abissi, del sottobosco. E’ il colore di alcuni, particolari, animali; è il colore che distingue una razza umana e tutta la storia che l’ha accompagnata. Infine, il nero è il colore dell’universo e dell’inaccessibile, della “materia oscura”, oppure, semplicemente, dell’ignoto, di «ciò che manca nella percezione» e che dobbiamo nominare in qualche modo «per fare in modo che nel pensiero non manchi niente». Attraverso la pura analisi di un colore, questo saggio ci offre un momento di quiete e un’occasione per riflettere, anche e soprattutto sulle cose più semplici, in mezzo ai rumorosi colori del nostro mondo, il libro di Badiou è un gentile tuffo nel silenzio del nero

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Alain Badiou

1937, Rabat

Scrittore, filosofo, professore emerito all’École normale supérieure de la rue d’Ulm, è fra i massimi filosofi viventi. Sua opera principale è L’essere e l’evento (1988), tradotto in italiano dal Melangolo nel 1995. Il secondo volume dell’opera, Logiques des mondes (Seuil, 2006), è ancora inedito da noi. Fra i suoi ultimi libri pubblicati in Italia: Metapolitica (2001), L’etica. Saggio sulla coscienza del male (2006), Manifesto per la filosofia (2008), Secondo manifesto per la filosofia (2010), L’ipotesi comunista (2011), tutti da Cronopio; da Il Nuovo Melangolo, Beckett. L’inestinguibile desiderio (2008), Piccolo pantheon portatile (2010) e Heidegger. Il nazismo, le donne, la filosofia (2010); da Feltrinelli,...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore