Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Offerta imperdibile
Storia della mafia. Dalle origini ai nostri giorni - Salvatore Lupo - copertina
Storia della mafia. Dalle origini ai nostri giorni - Salvatore Lupo - copertina
Dati e Statistiche
Fuori di libri Post sulla Community Fuori di libri
Wishlist Salvato in 108 liste dei desideri
Attualmente non disponibile
Storia della mafia. Dalle origini ai nostri giorni
12,35 €
-5% 13,00 €
12,35 € 13,00 € -5%
Ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
12,35 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
12,35 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Storia della mafia. Dalle origini ai nostri giorni - Salvatore Lupo - copertina
Chiudi

Descrizione


La mafia fa affari ma non è una congrega di affaristi. Traffica, ma non è una banda di trafficanti. Tratta con i politici ma non è un partito politico. È un'organizzazione criminale ma non è solo "criminalità organizzata". Cos'è, dunque, la mafia? Il saggio di Salvatore Lupo indaga con completezza e rigore storiografico l'intero arco della vicenda più che secolare della mafia siciliana, dalle origini ottocentesche dell'organizzazione mafiosa e delle sue ideologie agli esiti più recenti degli anni novanta del Novecento. Emerge con forza il ritratto di una struttura criminale che aspira a modellarsi sullo Stato prendendone in appalto le funzioni fondamentali, dal monopolio della violenza al controllo territoriale.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2004
10 ottobre 2004
339 p., Brossura
9788879899031

Valutazioni e recensioni

Recensioni: 4/5

Diceva Sciascia che "se tutto è mafia, nulla è mafia"... e proprio in virtù di questo ogni siciliano consapevole della difficoltà di essere siciliano, e voglioso di combattere giornalmente, nel suo piccolo, il fenomeno mafioso, io credo abbia il diritto e il dovere di conoscere la storia della propria terra, purtroppo spesso macchiata da quel fenomeno per cui siamo celebri nel mondo (ahimè!). "Storia della Mafia" è lucido resoconto storico che rende consapevoli noi siciliani di un aspetto non degno di lode, ma reale, della nostra storia; ed è resoconto che, accompagnato da una lettura critica e attenta, rende noi siciliani onesti orgogliosi della nostra terra e desiderosi di lottare quotidianamente per estirpare il cancro della Mafia. Consiglio vivamente la lettura.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 1/5

Il libro presenta un difetto fondamentale, strutturale: manca di narrazione, leggendolo non si ha l'impressione di leggere un libro di storia, dà al lettore il compito, troppo arduo per chi non conosce a fondo la materia, di capire facendo a meno della narrazione dei fatti. Da qui il rischio, molto concreto, di non fargli capire la mafia. La periodizzazione abbraccia il periodo dall'unità d'Italia fino alle stragi del '92-'93, ma è sbilanciata: sì dà molto più spazio a quanto succede prima della Seconda Guerra che dopo. Alcune interpretazioni sono condivisibili e ben documentate (sopratutto quella secondo la quale la mafia non è inizialmente un fenomeno esclusivamente collegato al latifondo, ma presente saldamente anche in città), altre molto meno. Per esempio, far coincidere le origini - secondo il principio dell'esse est percipi - con la comparsa del termine non convince: un fenomeno può esistere anche prima, e anche molto prima, di essere 'battezzato' e la storia stessa della mafia lo dimostra, basti pensare a quanti nomi questa ha cambiato o sovrapposto nel corso del tempo (onorata società, camorra, fratellanza, Cosa Nostra, setta, ecc.); soprattutto, lascia perplessi, per i momenti chiave delle stragi di Portella della Ginestra e di quelle del '92 – '93, l'escludere così nettamente la presenza di mandanti a volto coperto – e quindi il legame della mafia con circuiti di potere superiori – giustificandola con il fatto che questi non sono mai stati trovati: non convince infatti l'implicazione 'non sono stati trovati' ergo 'non ci sono stati e quindi si deve privilegiare la spiegazione più semplice, cioè escluderne l'esistenza' nonostante un evidenzia circostanziale in senso contrario piuttosto forte che ha portato altri storici a conclusioni opposte (Cfr. Tranfaglia, Marino). In generale, l'intera ricostruzione privilegia in maniera troppo netta le dinamiche interne all'organizzazione, perdendo di vista il servizio che la mafia offre alla politica, più credibilmente la prima ragione di quella che lo stesso Lupo definisce la "straordinaria continuità storica della mafia".

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

2,5/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(1)

Conosci l'autore

Salvatore Lupo

Nato a Siena nel 1951, è ordinario di Storia contemporanea all'Università di Palermo e presidente dell'Imes (Istituto Meridionale di Storia e Scienze sociali) di Catania. Lupo è uno dei più quotati studiosi della mafia, autore di numerose pubblicazioni sul fenomeno criminoso; grazie al suo testo "Quando la mafia trovò l'America" ha vinto, nel 2009, il premio letterario Vitaliano Brancati. Tra le sue opere: "Storia della mafia dalle origini ai giorni nostri" (1993), "Andreotti, la magia, la storia d'Italia" (1996), "Partito e antipartito. Una storia politica della prima Repubblica" (2004), "Che cos'è la mafia. Sciascia e Andreotti, l'antimafia e la politica" (2007), "L'unificazione italiana. Mezzogiorno, rivoluzione, guerra civile (2011), tutte pubblicate...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Inserisci la tua mail

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore