;
Gli Argonauti del tempo. Racconti di fantascienza sulla Quarta dimensione - Herbert George Wells - copertina
Salvato in 1 lista dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Gli Argonauti del tempo. Racconti di fantascienza sulla Quarta dimensione
15,20 € 16,00 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
Gli Argonauti del tempo. Racconti di fantascienza sulla Quarta dimensione 150 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,20 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,20 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Gli Argonauti del tempo. Racconti di fantascienza sulla Quarta dimensione - Herbert George Wells - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Gli Argonauti del tempo. Racconti di fantascienza sulla Quarta dimensione Herbert George Wells
€ 16,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Grazie alle sue cognizioni scientifiche di altissimo livello, Herbert George Wells seppe dare alle sue trame una credibilità teorica che gli permisero di prevedere tra l'altro l'avvento degli aerei e dei carri armati, del web, delle testate atomiche e della televisione satellitare. È però meno noto che fu nei racconti brevi scritti agli esordi della sua carriera letteraria che Wells esplorò anche le implicazioni teoriche della nuova scienza, applicando per primo gli studi sulle ulteriori dimensioni e sui paradossi temporali, quasi presago dello spazio-tempo einsteiniano. Nei racconti inseriti in questa raccolta troviamo una straordinaria fusione del teorico della scienza con il raffinato e inventivo narratore. Perfetto esempio ne è "Gli argonauti del tempo", il racconto che costituisce l'abbozzo iniziale de "La macchina del tempo". Ancor più avanzato del successivo romanzo che ne rielaborerà le premesse, questa short story postula una cornice tetradimensionale, cioè l'esistenza di una quarta dimensione. È in assoluto la prima opera letteraria compiuta a proporre il tema del viaggio nel tempo. Ma troviamo aperture su altri mondi create da distorsioni spazio-temporali anche ne "Gli occhi di Davidson", in cui un incidente di laboratorio costringe uno scienziato a vedere costantemente una realtà totalmente altra da quella che gli si para di fronte. La spiegazione del fenomeno che viene offerta prevede il concetto di geometrie non euclidee dello spazio. Invece, "L'uovo di cristallo" postula una distorsione dello spazio-tempo che permette il contatto diretto tra diversi pianeti, mentre di una dimensione parallela racconta "Il caso Plattner". La fantasia scientifica di Wells si sbizzarrisce poi anche sulla relatività del tempo come ne "L'acceleratore". Ma soprattutto a rendere preziosa questa raccolta è la maestria della scrittura, che ben giustifica il parere di Brian Aldiss, che vedeva in Wells, più che il padre, "lo Shakespeare della fantascienza". Gli straordinari racconti da cui nascerà "La macchina del tempo". Le prime storie in assoluto che si possano definire "racconti di fantascienza". "Wells è entrato nella psiche dell'umanità e ci ha cambiati per sempre". (John Higgs, storico della cultura). "H.G. Wells, lo Shakespeare della fantascienza". (Brian Aldiss)
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2021
9 settembre 2021
192 p., Brossura
9791280214034

Valutazioni e recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Lettore Anonimo
Recensioni: 4/5
I primi viaggi nel tempo

Padre nobile e, a tutti gli effetti, fondatore della moderna science fiction, termine quest'ultimo coniato negli anni Venti del Novecento da Hugo Gernsback (inventore ed editore delle prime riviste di genere), Herbert George Wells è noto al grande pubblico per "La macchina del tempo", "La guerra dei mondi", "L'uomo invisibile" e "L'isola del dottor Moreau", opere letterarie che hanno dato vita a molteplici trasposizioni cinematografiche e televisive. Meno conosciuta, ma pur sempre di rilevante importanza, è la sua narrativa breve. In racconti pieni di fascino e creatività, l'autore ci trasporta nella misteriosa Quarta dimensione, viaggiando tra pieghe spaziali e interstizi temporali. Quest'antologia, frutto del lavoro di Giancarlo Carlotti, traduttore dei massimi esponenti della fantascienza (Ursula Le Guin, Bruce Sterling, Nancy Kress, Neal Stephenson, tra gli altri) e curatore di magazine come "La rivista di Isaac Asimov" e "Analog", propone oltre una mezza dozzina di scritti pubblicati tra il 1888 e il 1901. Quello dal titolo più evocativo, "Gli argonauti del tempo", viene generalmente considerato un prequel o un primo abbozzo del romanzo "The Time Machine" di qualche anno successivo. La chiarezza e l'efficacia della prosa wellsiana, perfettamente restituite dalla versione italiana, offrono un'esperienza di lettura impareggiabile. Unica nota stonata è la presenza di una postfazione anziché di un'introduzione, utile a chi conosce poco o niente lo scrittore. Il neofita è dunque avvertito, a volte è meglio cominciare dalla fine.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Herbert George Wells

(Bromley, Kent, 1866 - Londra 1946) scrittore inglese. Di modesta famiglia, sino a diciassette anni fu apprendista in una ditta di tessuti; nel 1884 fu ammesso con una borsa di studio alla Normal School of Science di Londra, dove frequentò i corsi del celebre Th. Huxley, seguace delle teorie darwiniane. Lasciò gli studi senza aver superato l’esame finale (1887) e insegnò in una piccola scuola di provincia. Nel 1893 abbandonò l’insegnamento e si dedicò all’attività letteraria, che gli diede rapidamente fama e denaro. In un’epoca di grandi fermenti, W. partecipò alla vita politica non solo con i suoi scritti, ma anche di persona: fece parte, per un certo tempo, della Società fabiana e fu candidato laburista nelle elezioni del 1922.W. è considerato, insieme a Jules Verne, il padre della fantascienza....

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore