Img Top pdp IT book
Salvato in 40 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
La cotogna di Istanbul. Ballata per tre uomini e una donna (da leggere soltanto ad alta voce)
9,50 € 10,00 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+100 punti Effe
-5% 10,00 € 9,50 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,50 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,50 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
La cotogna di Istanbul. Ballata per tre uomini e una donna (da leggere soltanto ad alta voce) - Paolo Rumiz - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

La cotogna di Istanbul. Ballata per tre uomini e una donna (da leggere soltanto ad alta voce) Paolo Rumiz
€ 10,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Un romanzo-canzone singolare, fascinoso, avvolgente come una storia narrata intorno al fuoco. Racconta di Max e Masa, e del loro amore. Maximilian von Altenberg, ingegnere austriaco, viene mandato a Sarajevo per un sopralluogo nell'inverno del '97. Un amico gli presenta la misteriosa Masa Dizdarevi'c, "dagli occhi grandi e dai femori lunghi", austera e selvaggia, splendida e inaccessibile, vedova e divorziata, due figlie che vivono lontane da lei. Scatta qualcosa. Un'attrazione potente che però non ha il tempo di concretizzarsi. Max torna in patria e, per quanto faccia, prima di ritrovarla passano tre anni. Sono i tre anni fatidici di cui parlava La gialla cotogna di Istanbul, la canzone d'amore che Masa gli aveva cantato. Da lì in poi si leva un vento che muove le anime e i sensi, che strappa lacrime e sogni. Da lì in poi comincia un'avventura che porta Max nei luoghi magici di Masa, in un viaggio che è rito, scoperta e resurrezione. Nuova edizione completamente riveduta.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2
2015
Tascabile
8 luglio 2015
221 p., Brossura
9788807886478

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(2)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Recensioni: 5/5

Una fiaba, una ballata, un componimento in endecasillabi approssimativi e di vaga leopardiana memoria. Rumiz mette da parte il suo lato storiografico e s'inerpica verso un nuovo dolce stile - che non padroneggia bene, che spruzza ingenuità un verso su tre - per raccontarci una storia d'amore balcanica. Si cerca di mettere la serietà da parte, anche se non ci si riesce mai davvero, e di raccontare il contorno della Bosnia a cavallo delle guerre, a cavallo tra oriente e occidente. Emergono a tratti i concetti già esposti in 'maschere per un massacro' (la lezione del prefisso telefonico, ad esempio) e si cerca di integrarli con la leggerezza di un canto zingaro, tipo quello nel finale di Khorakané. Sicuramente è più un divertissement che un libro, molto probabilmente gli è stato pubblicato solo perché aveva già un nome alle spalle. Ma mi ha divertito e adesso ho voglia di cotognata.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 5/5

Una ballata, un canto d’amore struggente, totalizzante che non ha tempo, che travalica gli spazi, le epoche che si impregna di profumi ed atmosfere lontane, esotiche dallo spirito dolce ed amaro, dove la vita e la morte non sono semplici eventi naturali ma nella loro intensità e drammaticità assumono una potenza magica. Su tutte le vicende aleggia QUESTO INTENSO PROFUMO DI MELE COTOGNE CHE NON SOLO INEBRIA, AMMALIA, STORDISCE MA RENDE IL SENTIMENTO Più ANTICO DEL MONDO DIVINO, IMMORTALE. Laddove ci sono amore, passione, quel tipo di passione che prende tutte le fibre dell’individuo, della sua persona non ci sono più conflitti di né di razza né di religione. E l’amore diventa così leggenda! Molto bravo Rumiz a rendere con i suoi numerosi endecasillabi proprio il tono e l’eco della ballata o se si vuole dell’epos!!

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Paolo Rumiz

1947, Trieste

Paolo Rumiz è scrittore e giornalista triestino, inviato speciale del «Piccolo» di Trieste ed editorialista de «La Repubblica». Esperto del tema delle Heimat e delle identità in Italia e in Europa, dal 1986 segue gli eventi dell’area balcanico-danubiana. Nel 2001 invece segue, prima da Islamabad e poi da Kabul, l'attacco statunitense all'Afghanistan. Vince il premio Hemingway nel 1993 per i suoi servizi dalla Bosnia e il premio Max David nel 1994 come migliore inviato italiano dell’anno. Ha pubblicato, tra l’altro, Danubio. Storie di una nuova Europa (1990), Vento di terra (1994), Maschere per un massacro (1996), La linea dei mirtilli (1993), La secessione leggera (2001), È Oriente (2003), Gerusalemme perduta (2005), La leggenda...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore