Img Top pdp IT book
Salvato in 41 liste dei desideri
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
La cucina del buon gusto
7,22 € 8,50 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+70 punti Effe
-15% 8,50 € 7,22 €
disp. in 5 gg lavorativi disp. in 5 gg lavorativi
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
7,22 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
7,22 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
La cucina del buon gusto - Simonetta Agnello Hornby,Maria Rosario Lazzati - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

€ 8,50
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

"Brillat-Savarin è stato per noi una scoperta recente. Avevamo già deciso di scrivere un libro di cucina per esprimere la profonda gioia che ci dà il cucinare e il grande conforto che ne abbiamo tratto vivendo all'estero. Volevamo celebrare la gastronomia e i piaceri dei sensi che si incontrano nel preparare il cibo, nel servirlo e nel mangiarlo. Cucinato, condiviso, consumato da soli, regalato; occasione d'incontro, simbolo di appartenenza a gruppi e a religioni, nutrimento del corpo e della psiche, il cibo è potentissimo antidoto contro l'isolamento e la tristezza. Ce ne siamo rese conto quasi per caso. Rosario, da bambina, nella cucina di casa si incantava a osservare la trasformazione degli ingredienti in pietanza; da adulta, all'estero, cucinava per mantenere la propria identità e ha cominciato ad apprezzare dettagli che danno piacere, come organizzare e riordinare la dispensa, fare la spesa nei mercati del quartiere e cucinare con i fiori del terrazzo. Molte alunne della sua scuola di cucina londinese frequentano i corsi da anni, perché hanno imparato che cucinare aiuta a stare meglio. Simonetta, cuoca per tradizione familiare e per necessità, ha sperimentato attraverso le vicissitudini della vita il valore catartico della cucina. Per lei, la cucina e la tavola, oltre a essere elementi fondamentali dell'esistenza, costituiscono un trionfo dei sensi, della bellezza e dell'ospitalità."
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2013
Tascabile
24 aprile 2013
281 p., Brossura
9788807881237

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(2)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Recensioni: 5/5

Libro scritto da una "siciliana" che ci fa gustare i sapori siciliani

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 5/5

Simonetta Agnello Hornby Maria Rosario Lazzati La cucina del buon gusto Milano: Feltrinelli, 2012. Nondimeno, il gusto, così come la natura ce l’ha concesso, è ancora quello fra i nostri sensi che, tutto ben considerato, ci procura il maggior numero di godimenti: 1. Perché il piacere di mangiare è il solo che, preso con moderazione, non è seguito da stanchezza; 2. Perché è d’ogni tempo, d’ogni età e d’ogni condizione; 3. Perché torna di necessità almeno una volta al giorno e in un giorno può essere ripetuto, senza danno, due o tre volte; 4. Perché può mescolarsi a tutti gli altri piaceri e anche consolarci della loro mancanza; 5. Perché le impressioni che esso riceve sono a un tempo più durevoli e più dipendenti dalla nostra volontà; 6. Infine perché mangiando proviamo un certo benessere indefinibile e particolare che ci deriva dall'istintiva conoscenza che mangiando compensiamo le nostre perdite e prolunghiamo la vita. JEAN-ANTHELME BRILLAT-SAVARIN, Fisiologia del gusto o Meditazioni di gastronomia trascendente, Meditazione II, PP. 52-53. Questa è solamente una delle tante riflessioni filosofiche da cui partono le autrici per arrivare alla creazione di questo saggio. Maestro e fonte inesauribile d’ispirazione è il politico e gastronomo francese Jean Anthelme Brillat-Savarin, colui che verso la fine del Settecento firmò il trattato de La fisiologia del gusto, o Meditazioni di gastronomia trascendente, un’opera che mescola amabilmente nozioni scientifiche, riflessioni filosofiche, aneddoti storici e consigli, una pietra miliare su cui venne fondata la figura dell'intellettuale gastronomo. Lo scopo delle autrici è proprio quello di riprendere e attualizzare la filosofia del buon gusto francese per celebrare la gastronomia e i piaceri dei sensi che si incontrano nel preparare il cibo, nel servirlo e nel mangiarlo. Il cibo in sé fa da sfondo a tutto il libro, perché sono esaltate tutte le componenti che, generalmente, vengono poste in secondo piano. Il piacere di fare la spesa, l'allestimento meticoloso della tavola, la selezione degli invitati, l'arte dell'intrattenimento a tavola e, non meno importante, “l'antica abilità di trasformare gli ingredienti in cibo”. Passando dai loro ricordi d'infanzia alla modernità attualmente vissuta, le autrici descrivono tutto ciò che si è perso durante il passaggio temporale. Siamo arrivati ad un punto dove non è più necessario saper cucinare per mangiare, dove tutto è pronto per essere consumato subito e magari anche in solitudine perché cucinare è diventata una perdita di tempo. Tutto vige in funzione della fretta, della velocità e della frenesia delle nostre vite che ci tolgono la libertà e il potere di creare quello che ci piace, che dà godimento e appaga i sensi. Meditando sulle considerazioni fatte dalle scrittrici ci si può domandare quali saranno le tradizioni culinarie, gli odori e i sapori che i figli del futuro saranno in grado di tramandare? Sarà piacevole farsi raccontare come le mamme sfornavano i “sofficini” ,come preparavano i “Saikebon” in tre minuti o quanto erano buone le lasagne domenicali pronte in cinque. Ci stiamo smarrendo. É necessario tornare alle origini e recuperare le ritualità che hanno il potere di salvarci e farle divenire diritti inviolabili. Perché è “La cucina del buon gusto” che ci rende liberi, ci rende vivi, ci rende umani.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Simonetta Agnello Hornby

1945, Palermo

Vive dal 1972 a Londra, dove svolge la professione di avvocato ed è stata presidente per otto anni del Tribunale di Special Educational Needs and Disability. Il suo primo romanzo, La mennulara (la “raccoglitrice di mandorle”) - pubblicato da Feltrinelli nel 2002 e ripubblicato sempre da Feltrinelli nel 2019 -  è stato un vero e proprio caso letterario, è stato a lungo ai vertici delle classifiche ed è stato tradotto in molte lingue, ricevendo nel 2003 il Premio Letterario Forte Village. Nello stesso anno, ha vinto il Premio Stresa di Narrativa e il Premio Alassio 100 libri - Un autore per l'Europa, ed è stato finalista del Premio del Giovedì "Marisa Rusconi". Tra i suoi titoli più celebri ricordiamo: con Feltrinelli...

Maria Rosario Lazzati, milanese, con La cucina del buon gusto (con Simonetta Agnello Hornby; Feltrinelli, 2013) racconta la sua esperienza culinaria, sia in famiglia sia come insegnante di cucina. Fonte immagine: sito editore Feltrinelli.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore