Img Top pdp IT book
Salvato in 816 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Il giardino dei Finzi-Contini
9,50 € 10,00 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+100 punti Effe
-5% 10,00 € 9,50 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,50 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,50 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Il giardino dei Finzi-Contini - Giorgio Bassani - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Il giardino dei Finzi-Contini Giorgio Bassani
€ 10,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

«Da molti anni desideravo scrivere dei Finzi-Contini – di Micòl e di Alberto...»

Pochi romanzi italiani del Novecento sono entrati così profondamente nel cuore dei lettori come Il giardino dei Finzi-Contini, un libro che è riuscito a unire emozioni private e storia pubblica, convogliandole verso un assoluto coinvolgimento narrativo. Un narratore senza nome ci guida fra i suoi ricordi d'infanzia, nei suoi primi incontri con i figli dei Finzi-Contini, Alberto e Micòl, suoi coetanei resi irraggiungibili da un profondo divario sociale. Ma le leggi razziali, che calano sull'Italia come un nubifragio improvviso, avvicinano i tre giovani rendendo i loro incontri, col crescere dell'età, sempre più frequenti. Teatro di questi incontri, spesso e volentieri, è il vasto, magnifico giardino di casa Finzi-Contini, un luogo che si imbeve di sogni, attese e delusioni. Il protagonista, giorno dopo giorno, si trova sempre più coinvolto in un sentimento di tenero, contrastato amore per Micòl. Ma ormai la storia sta precipitando e un destino infausto sembra aprirsi come un baratro sotto i piedi della famiglia Finzi-Contini.

Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2012
Tascabile
27 dicembre 2012
9788807881084

Valutazioni e recensioni

4,24/5
Recensioni: 4/5
(21)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(12)
4
(5)
3
(1)
2
(3)
1
(0)
simoneabbafati
Recensioni: 5/5
capolavoro

Romanzo raffinato, struggente. Non esagero se dico che siamo di fronte ad un vero capolavoro della letteratura italiana. Al centro della storia, la vicenda di un gruppo di giovani ragazzi della borghesia ebraica di Ferrara che, nel 1938, a seguito della promulgazione delle leggi razziali da parte del governo fascista, si ritrovano interdetti dalla frequentazione del loro circolo di tennis e decidono quindi di ritrovarsi per giocare nel campo della villa di due di loro, i facoltosi fratelli Finzi-Contini: in questo modo, cercano di continuare a vivere ostinatamente la spensieratezza dei loro anni. Il cuore della vicenda è incarnato dal protagonista della vicenda, nonché voce narrante, il cui nome non viene mai svelato, e da Micol Finzi-Contini, figlia del proprietario della villa, di cui il protagonista è segretamente innamorato, giovane bella, brillante, colta, vitale, ma allo stesso tempo civettuola e bugiarda con lui. L’autore è bravissimo nel cogliere le sfumature psicologiche dei personaggi, le loro contraddizioni, le loro fragilità, costruendo personaggi a tutto tondo, al punto che ci si chieda se si sia ispirato a fatti reali della sua vita in gioventù. Bassani descrive in modo magistrale i fatti in modo vivido, l’impatto forte dell’innamoramento, la delusione d’amore, la frustrazione, il corteggiamento, il tradimento. E infine, anche l’umiliazione del razzismo antisemita che appare come un costante presagio della fine della loro giovane vita, piena di speranze ed emozioni pulsanti, ma che andrà a schiantarsi con l’orrore dei campi di sterminio. Un tragico epilogo che già ci viene anticipato dall’autore stesso nell’incipit del romanzo, quando il protagonista descrive la monumentale tomba dei Finzi Contini nel cimitero ebraico di Ferrara: vuota, anche se sono tutti morti.

Leggi di più Leggi di meno
Simona
Recensioni: 5/5

La scrittura di Bassani avvolge, riempie, emoziona.. Si narra la storia di un bambino di religione ebraica che, crescendo, assiste ai fermenti della vita politica italiana fino all'emanazione delle leggi razziali del 1938. Questo evento determinerà la frequentazione e l'amicizia del narratore con i due figli della più abbiente famiglia ferrarese dell'epoca, i Finzi Contini, e degli altri giovani che frequenteranno il noto giardino per giocare a tennis e parlare di politica... In questo scenario i giovani cresceranno attraverso la sperimentazione dei rapporti di amicizia, di amori non corrisposti, del sesso, dove il contesto familiare si avverte molto presente e molto forte. Mi è piaciuta molto la figura del padre del narratore (di cui non viene mai espresso il nome) che, pur lasciando sempre al figlio piena libertà di scelta nelle proprie azioni, ha anche la capacità, in poche frasi, di dispensare utili consigli ed essere sempre presente e vicino. Mi è piaciuto anche tanto il riferimento al dott. Fadigati, il protagonista de Gli occhiali d'oro, il racconto che Bassani aveva pubblicato qualche anno prima e che, come questo libro, io ho adorato.. due diverse storie, stesso narratore... Il giardino dei Finzi Contini è da molti considerato uno dei capolavori del '900 italiano.. ho letto da qualche parte che è uno dei primi romanzi in cui si è parlato di leggi razziali.. Mi ha coinvolto completamente dalla prima all'ultima pagina ed io non posso che consigliarne a tutti la lettura.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 3/5

Questo romanzo, a parer mio, trova la sua ragion d'essere nei suoi riferimenti a un periodo storico particolare, quale quello immediatamente precedente la seconda guerra mondiale in Italia. La narrazione, semplice ma diretta, racconta un'amicizia vissuta dal protagonista durante la sua giovinezza con, sullo sfondo, i fatti storici che coinvolgeranno pian piano la società ferrarese. I personaggi sono spesso lasciati all'immaginazione del lettore per la loro abigua personalità o complessità.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,24/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(12)
4
(5)
3
(1)
2
(3)
1
(0)

Conosci l'autore

Giorgio Bassani

1916, Bologna

Scrittore, critico, redattore e collaboratore di importanti riviste letterarie, è stato per un periodo anche vicepresidente della Rai. Trascorre l'infanzia e l'adolescenza a Ferrara, che resta per sempre nel suo cuore e diventa teatro delle sue creazioni letterarie. Partecipa alla Resistenza e, dopo la guerra, si dedica alla vita culturale come narratore e poeta. Nella sua veste di direttore editoriale, scopre "Il Gattopardo" di Tomasi di Lampedusa. Dopo la pubblicazione di "Cinque storie ferraresi" e de "Gli occhiali d’oro", Bassani raggiunge un grande successo di pubblico nel 1962 con quello che è considerato da più parti il suo capolavoro, "Il giardino dei Finzi-Contini".  Nel 1974 esce "Romanzo di Ferrara", che ne raccoglie l’intera...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore