Img Top pdp IT book
Salvato in 115 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
I libri proibiti da Gutenberg all'Encyclopédie
8,55 € 9,00 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+90 punti Effe
-5% 9,00 € 8,55 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
8,55 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
8,55 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
I libri proibiti da Gutenberg all'Encyclopédie - Mario Infelise - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

I libri proibiti da Gutenberg all'Encyclopédie Mario Infelise
€ 9,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Dalla sua invenzione a caratteri mobili alla metà del Quattrocento, la stampa rimase complessivamente libera solo per alcuni decenni. Presto la rapidissima diffusione della Riforma protestante spinse le autorità ecclesiastiche a sperimentare forme stabili di controllo. La censura cattolica in pieno Cinquecento ebbe pesanti conseguenze sulla cultura, soprattutto italiana, in particolare sullo sviluppo del pensiero scientifico, sulla letteratura e sulla diffusione della lettura in volgare. Nel Seicento furono i vari Stati assoluti a intensificare la loro azione, mentre la maggiore laicizzazione della società suscitò importanti trasformazioni. Il pubblico dei lettori fu sempre meno disposto a seguire le prescrizioni grazie anche a un fervido mercato clandestino e mise sempre più a dura prova la capacità di proibire, sino a quando, negli ultimi decenni del Settecento, la libertà di opinione e di espressione divenne uno dei principi cardine della civiltà contemporanea.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2
2013
Tascabile
17 ottobre 2013
153 p., Brossura
9788858109700

Valutazioni e recensioni

1,5/5
Recensioni: 2/5
(3)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(1)
1
(0)
Clotti
Recensioni: 2/5
Davvero prolisso

Ho acquistato questo testo per sostenere un esame di Storia moderna all'università. Mi sento di consigliarne la lettura soprattutto a fini di studio, perché è davvero molto carico di date e nomi, un po' superflui. Molto denso nella prima parte, ma un po' frettoloso nell'ultima. Riuscire a terminarlo è stato un po' faticoso.

Leggi di più Leggi di meno
Sarah Alviti
Recensioni: 4/5

In questo piccolo ed agile volume l'autore, Mario Infelise, ha brillantemente ripercorso la storia della censura libraria che trovò il suo apice nel celebre "Indice" dei libri proibiti, una storia lunga e tormentata che parte dall'invenzione della stampa a caratteri mobili di Gutenberg ed arriva sino ai tempi moderni. Affermando già dalle prime pagine la scissione tra controllo della Chiesa e controllo dello Stato, Infelise ripercorre le tappe di questa battaglia contro questi nemici di carta, nemici costituiti da pagine "pericolose": libri ricchi di ideali che potevano minare l'ordine costituito della realtà, religiosa e di potere, testi oscurati sotto l'ombra possente di eresia, amoralità, infondendo la paura del peccato e della superstizione dietro scritti innovativi. Eppure il libro non fu un avversario facile da annientare: molte furono le perdite nel corso della storia, opere sacrificate per sempre, ma tante se ne salvarono, e tante continuarono a circolare illegalmente grazie all' "astuzia" di librai ed editori, che con l'espediente di falsi luoghi di stampa, false date di stampa, fecero circolare numerose opere. Una lettura piacevole e interessante. Libro consigliato

Leggi di più Leggi di meno
caterina pellegrini
Recensioni: 0/5

Nell'Età Moderna tra il XVI e XVIII si sviluppò un forte controllo sulla produzione e sulla circolazione dei libri. Già nell'età del manoscritto era stato impossibile controllare la diffusione. Con l'avvento della stampa il controllo divenne più difficile, in quanto potevano accedere alla cultura classi sociali che prima erano estranee. I papi del periodo della Riforma emanarono diversi indici che bandivano versioni della Bibbia e opere di autori come Pulci,Berni,Machiavelli e Boccaccio.Il volume rivisita questi argomenti in maniera chiara e facendo riflettere il lettore.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

1,5/5
Recensioni: 2/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(1)
1
(0)

Conosci l'autore

Mario Infelise

1952, Padova

Laureato in Lettere all'Università di Padova, insegna all'Università Ca' Foscari di Venezia ed è presidente delle Edizioni Ca' Foscari. Tra le sue pubblicazioni: I Remondini di Bassano (Tassotti 1980), I Remondini. Stampa e industria nel Veneto del Settecento (Tassotti 1990), L'editoria veneziana nel Settecento (Franco Angeli 1991 e ss.), Per Marino Berengo. Studi degli allievi (Franco Angeli 2000), Prima dei giornali. Alle origini della pubblica informazione (Laterza 2005), I libri proibiti da Gutenberg all'Encyclopédie (Laterza 2009 e 2013), I padroni dei libri. Il controllo sulla stampa nella prima età moderna (Laterza 2014).

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore