Offerta imperdibile
Salvato in 74 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
I sonnambuli. Come l'Europa arrivò alla Grande guerra
33,25 € 35,00 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+330 punti Effe
-5% 35,00 € 33,25 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
33,25 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
33,25 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
I sonnambuli. Come l'Europa arrivò alla Grande guerra - Christopher Clark - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

I sonnambuli. Come l'Europa arrivò alla Grande guerra Christopher Clark
€ 35,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


La mattina di domenica 28 giugno 1914, l'arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono austro-ungarico, e sua moglie Sofia arrivarono in treno a Sarajevo e salirono a bordo di un'autovettura, imboccando il lungofiume Appel, per raggiungere il municipio. Non apparivano affatto preoccupati per la loro sicurezza. Venivano da tre giorni di soggiorno nella cittadina di vacanze di llidze, dove non avevano incontrato che facce amiche. Avevano perfino avuto il tempo per un'imprevista visita al bazar di Sarajevo, dove avevano potuto muoversi senza essere disturbati nelle viuzze affollate di gente. Non sapevano che Gavrilo Princip, il giovane serbo bosniaco che li avrebbe uccisi solo tre giorni dopo, era anch'egli nel bazar, intento a seguire i loro movimenti. Anche l'Europa si avviava inconsapevole al dramma. Non sapeva di essere fragile, frammentata, dilaniata da ideologie in lotta, dal terrorismo, dalle contese politiche. Così l'atto terroristico compiuto con sconcertante efficienza da Gavrilo Princip ai danni dell'arciduca ha un esito fatale: la liberazione della Bosnia dal dominio asburgico e l'affermazione di un nuovo e potente Stato serbo, ma anche il crollo di quattro grandi imperi, la morte di milioni di persone e la fine di un'intera civiltà.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

4
2013
7 novembre 2013
XX-716 p., ill. , Brossura
9788858105023

Valutazioni e recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
Recensioni: 3/5

Il libro di Clark Christopher è densissimo di informazioni che spaziano dalla ricostruzione giornalistica a quella storica. L'autore descrive la Storia come un flusso continuo di scelte di migliaia di protagonisti che sembrano quasi dettate dai capricci di un panteon di divinità rissose. Quasi una descrizione frattale, un punto di vista sicuramente post-moderno che, da una parte vorrebbe abbattere definitivamente il determinismo storico ma che dall'altra trascura le componenti sociali ed economiche, il tutto facendo riportare le élite ad essere il motore principale della Storia. Lo scopo del libro è di quello di mettere in luce come la guerra del 14-18 non fosse lo sbocco predeterminato di un fatalismo storico ma fu il risultato di un enorme brulicare di azioni incessanti. Per l'autore, tali meccanismi sono ben più generali e valgono per qualsiasi avvenimento storico. Per questo motivo chiamo questa visione come iper-moderna, dove quello che emerge è più la fragilità del nostro presente esploso nell'aleatorietà del numero quasi infinito delle decisioni umane. Libro dal doppio interesse, forse più di natura sociale; ma d'altra parte leggiamo con piacere l'Huizinga dell' "Autunno del Medioevo" anche e soprattutto come specchio dell'Europa uscita devastata dalla Grande Guerra. Per concludere, un libro interessante e sicuramente enciclopedico per la presentazione dei personaggi politici, quasi una riedizione ampliata, riveduta e corretta de "Le origini della guerra del 1914" di Luigi Albertini (Goriziana Editore). Un libro animato da una visione storica non molto dissimile da quella di Illies nel suo "1913. L'anno prima della tempesta", recentemente stampato per i tipi della Marsilio. Un libro tuttavia da maneggiare con cura, volutamente parziale nell'ottica descrittiva nonostante la mole e sorretto da un obiettivo politico abbastanza chiaro.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore