;
Totò lascia o raddoppia? (DVD) di Camillo Mastrocinque - DVD
Salvato in 3 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Totò lascia o raddoppia? (DVD)
10,39 € 12,99 €
;
DVD
Dettagli Mostra info
Totò lascia o raddoppia? (DVD) 100 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
10,39 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
10,39 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Totò lascia o raddoppia? (DVD) di Camillo Mastrocinque - DVD
Chiudi

Descrizione

Il duca spiantato Gagliardo della Forcoletta partecipa al quiz "Lascia o raddoppia?" con la speranza di poter pagare le nozze alla figlia. Grazie alla sua enciclopedica preparazione sull'ippica, arrivano le prime vittorie, ma anche due gangster che cercano con le minacce di pilotarlo per intascarsi i soldi delle scommesse. Il duca non sa che pesci pigliare. Lasciare o raddoppiare?
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

Italia
1956
DVD
8031179988662

Informazioni aggiuntive

Raicom, 2021
Eagle Pictures
94 min
Italiano (Dolby Digital 2.0)
1,78:1

Conosci l'autore

Camillo Mastrocinque

1901, Roma

Regista italiano. Approfondisce i suoi studi in architettura con una lunga permanenza in Francia come scenografo teatrale e di set. Tornato in Italia, firma dalla fine degli anni ’30 una serie di opere in costume ancora legate ai suoi trascorsi teatrali, mentre dopo la guerra svela una vocazione comica che lo porterà alla regia di alcuni fra i più famosi film di Totò, con il quale instaura un prolifico sodalizio. Capisce l’inutilità di imporre al principe De Curtis il punto di vista di un regista-autore, a lungo invocato da tanta critica ostile, e si limita a predisporre e a governare l’insieme lasciando al genio comico italiano del Novecento la libertà di andare a braccio. Nascono così i «classici» della dettatura della lettera a P. De Filippo in Totò, Peppino e la... malafemmina (1956),...

Dorian Gray

1928, Bolzano

Nome d'arte di Maria Luisa Mangini, attrice italiana. Bionda, procace, grandi occhi espressivi, esordisce nel mondo dello spettacolo come ballerina per poi passare con successo sempre crescente alla rivista. Agli inizi degli anni ’50 decide di dedicarsi al cinema e risulta convincente in alcune interpretazioni come la «malafemmina» di Totò, Peppino e... la malafemmina (1956) di C. Mastrocinque, la diva capricciosa di Le notti di Cabiria (1957) di F. Fellini, l’urlante benzinaia di Il grido (1957) di M. Antonioni, la maliziosa tentatrice di Mogli pericolose (1959) di L. Comencini, ruolo che le vale un Nastro d’argento. Alla fine degli anni ’60 abbandona le scene al culmine del successo.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore