Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Salvato in 163 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
L' evento
14,25 € 15,00 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+140 punti Effe
-5% 15,00 € 14,25 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,25 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,25 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
L' evento - Annie Ernaux - copertina
Chiudi

Descrizione


Narrando la cronistoria di un avvenimento doloroso ma anche umanamente e politicamente trasformativo, Ernaux innalza la sua voce esattissima, e per questo irrefutabile, contro i silenzi, i ricatti e le ipocrisie delle istituzioni e delle coscienze, e ci disvela un episodio rimosso del suo grande affresco autobiografico.

«Ernaux riesce di nuovo a immergersi nel suo passato e tradurlo in un racconto collettivo, districandosi con soave ma lucida ferocia tra ciò che concerne la legge, la vita e la morte. Ma soprattutto l’essere madre.»Sette

«Un’altissima, universale dichiarazione d’amore per la scrittura, quasi un manifesto della sua necessità.»Tuttolibri

«Il vero scopo della mia vita forse è solamente questo: che il mio corpo, le mie sensazioni e i miei pensieri divengano scrittura.»

Nel 1963, in seguito a un’analisi del sangue, Annie Ernaux scopre di essere incinta e decide di interrompere la gravidanza. L’aborto è illegale in Francia – addirittura la parola stessa è bandita, non ha un suo «posto nel linguaggio» – e la giovane Annie è costretta a seguire vie clandestine. La lotta per questo diritto non ancora divenuto tale e lo scontro con un universo clinico e sociale «che impedisce alla donna di dirsi e di pensarsi» sono al cuore di questo spietato libro della grande autrice francese.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2019
11 novembre 2019
128 p., Brossura
9788899793920

Valutazioni e recensioni

4,8/5
Recensioni: 5/5
(5)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(4)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Claudia_6
Recensioni: 5/5
Raggelante

Estremamente crudo, vero e agghiacciante. Libro potentissimo che consiglio vivamente, ma con qualche riserva se si è facilmente impressionabili.

Leggi di più Leggi di meno
GB
Recensioni: 5/5
Un pugno allo stomaco.

Crudo, reale, toccante; null'altro.

Leggi di più Leggi di meno
tommyvt9
Recensioni: 5/5
un racconto senza filtri e dalla forza dirompente

È orribile: sono incinta”. Eh si la gravidanza non è sempre desiderata, anzi a volte diventa odiata. Inizia così il calvario di una studentessa 23 enne, che nella Francia del 1963, quando l’aborto non era ancora legalizzato, cerca di mettere fine a questo “evento”, ma la società francese non le riconosce questo diritto. Man mano che le pagine si sfogliano, il tempo biologico della gravidanza scorre e la disperazione della protagonista aumenta. Tanto da spingerla a provare da sola, infilandosi un ferro da lana nel suo sesso oppure sperare in una caduta sulla neve. Pur nell’assenza di una norma giuridica permissiva, il fenomeno degli aborti clandestini (eseguiti da medici compiacenti o con tecniche improvvisate e pericolose) non solo era diffuso ma addirittura tollerato. I “cucchiai d’oro” o “la fabbrica degli angeli” sono termini ed espressioni comuni, direi universali e presenti in ogni latitudine. La scrittrice ci descrive, con uno stile diretto e privo di fronzoli, il grido di aiuto di una generazione di donne che con il loro coraggio hanno dato alla Francia, ma direi ai paesi occidentali, un diritto umano irrinunciabile. La libertà passa dalla scelta. Un romanzo che nasce dall’esperienza traumatica dell’aborto clandestino della stessa autrice. Ernaux ha avuto il coraggio di far cadere un tabù, un muro di omertà e di conformismo che circonda l’interruzione volontaria della gravidanza. L’autrice non si preoccupa di edulcorare la pillola amara della sofferenza, anzi scende nei dettagli senza pudori e senza rimpianti. Un libro coraggioso e allo stesso tempo militante perché, inutile girarci intorno, il diritto all’aborto è in pericolo in molti paesi occidentali. E serve proteggerlo.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,8/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(4)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Annie Ernaux

1940, Lillebonne, Seine-Maritime

(Lillebonne, Seine-Maritime, 1940) scrittrice francese. Di famiglia operaia, ha vissuto fino all’adolescenza in Normandia, mantenendo in seguito un forte legame con l’ambiente sociale d’origine e le tematiche della differenza di classe. Ha esordito con il romanzo Gli armadi vuoti (Les Armoires vides, 1974), nella tradizione del realismo sociale, cui è seguito Il posto (La place, 1984), ricostruzione del proprio ambiente familiare. Nei romanzi successivi ha continuato a indagare, in un linguaggio «vero», che si vuole oggettivo e depurato da evasioni stilistiche o di finzione romanzesca, i luoghi e le sensazioni della propria autobiografia al femminile: Passione semplice (Passion simple, 1991), La vita esteriore (La vie extérieure, 2000, nt), Perdersi...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore