Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Offerta imperdibile
Se niente importa. Perché mangiamo gli animali? - Jonathan Safran Foer - copertina
Se niente importa. Perché mangiamo gli animali? - Jonathan Safran Foer - copertina
Dati e Statistiche
Fuori di libri Post sulla Community Fuori di libri
Wishlist Salvato in 358 liste dei desideri
Disponibilità immediata
Se niente importa. Perché mangiamo gli animali?
13,30 €
-5% 14,00 €
13,30 € 14,00 € -5%
Disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
13,30 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
13,30 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Se niente importa. Perché mangiamo gli animali? - Jonathan Safran Foer - copertina
Chiudi

Descrizione



Jonathan Safran Foer ci propone una riflessione sul cibo partendo dal ricordo personale di sua nonna, dalla forza che durante la guerra la spinse a rifiutare della carne di maiale che l'avrebbe tenuta in vita, perché non era cibo kosher, e «se niente importa, non c’è niente da salvare».

«"Se niente importa" è un libro necessario.» - Moni Ovadia

«Gli orrori quotidiani dell'allevamento intensivo sono raccontati in modo così vivido... che chiunque, dopo aver letto il libro di Foer, continuasse a consumare i prodotti industriali, dovrebbe essere senza cuore o senza raziocinio.» - J.M.Coetzee

Il cibo per lei non era solo cibo, ma «terrore, dignità, gratitudine, vendetta, gioia, umiliazione, religione, storia e, ovviamente, amore». Una volta diventato padre, Foer ripensa a questo insegnamento e inizia a interrogarsi su cosa sia la carne, perché nutrire un figlio è ancora più importante che nutrire se stessi. Così nasce questo libro, frutto di un’indagine durata quasi tre anni, che è insieme racconto, inchiesta e testimonianza e che invita tutti alla riflessione, indicando nel dolore degli animali – e soprattutto nella nostra sensibilità verso chi è «inerme» e «senza voce» – il discrimine fra umano e inumano, fra chi accetta senza battere ciglio le condizioni imposte dall’allevamento industriale e chi le mette in discussione.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

7
2016
Tascabile
9 giugno 2016
368 p., Brossura
9788823514249

Valutazioni e recensioni

laSimo999
Recensioni: 5/5
Indispensabile

"Se niente importa, non c'è niente da salvare". Questa la frase che Foer da piccolo si sentiva ripetere dalla nonna. Lei era sopravvissuta all'Olocausto ma aveva rifiutato carne di maiale a costo della sua stessa sopravvivenza perché non era kosher. Dopo questa premessa il saggio si sviluppa come una vera indagine delle terribili condizioni in cui gli animali vivono negli allevamenti di massa, in cui l'autore cerca di risvegliare la sensibilità delle persone e incoraggiarne la riflessione. Un libro molto doloroso ma assolutamente da leggere.

Leggi di più Leggi di meno
luca improta
Recensioni: 5/5

Dopo aver letto "Tritacarne" ho sentito il bisogno di conoscere l'opera che in qualche modo ha ispirato quello e altri libri sull'argomento. "se niente importa" è un libro che ti consente di prendere coscienza di tutti quei motivi per cui "importa" correggere il modo in cui la carne arriva dall'allevamento al piatto, primo tra tutti la sofferenza e la crudeltà inflitta agli animali destinati al macello. Difficile rimanere indifferenti, io ho molto ridotto il consumo di carni.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 5/5

Siamo noi quelli a cui chiederanno a buon diritto << Tu che cos'hai fatto quando hai saputo la verità sugli animali che mangiavi?>> Nel suo saggio, Foer ci fornisce una quantità inverosimile di risposte a questa domanda e quindi altrettanti punti di vista. La testimonianza iniziale è quella della nonna ebrea che, stremata dalla fuga dai nazisti, rifiuta in tempi di guerra della carne offertale da un russo perché non è cibo 'kosher'. Nelle successive pagine si spazia dagli attivisti della PETA fino alla premurosa allevatrice vegana, dalle crude e strazianti testimonianze dei lavoratori degli allevamenti intensivi statunitensi fino a quelle dei sempre più rari allevatori di campagna, che continuano a prediligere il benessere degli animali a discapito della produttività e del guadagno. Vengono sfatati tutti i falsi miti dell'essere vegetariano (la mancanza di proteine, l'essere cagionevole, l'eccessiva tenerezza di chi decide di diventarlo) e messe in luce con chiarezza le insidie nascoste dietro alla carne (sistematiche torture inflitte agli animali d'allevamento e la crudeltà della pesca, business legati all'economia, farmaco-resistenza dovuta all'eccesso di antibiotici somministrati come mangime, virus trasmessi dall'avicoltura e dagli allevamenti intensivi fino all'uomo, inquinamento dovuto ai rifiuti organici). Inoltre, si sottolinea, finalmente, l'estrema influenza che questa scelta, apparentemente personale e intima, può avere sulle sorti dell'intero pianeta. Partendo dal presupposto che nessuno mangerebbe il proprio cane, e che presumibilmente i lettori inorridiranno alla lettura delle ricette a base di cane proposto in uno dei capitoli iniziali, l'autore fa propria la visione che Orwell utilizza ne "La fattoria degli animali", secondo la quale "tutti gli animali sono eguali ma alcuni animali sono più eguali degli altri". Alla fine della lettura, come suggerisce senza mezzi termini Coetzee '"chiunque, dopo aver letto il libro di Foer, continuasse a consumare prodotti industriali dovrebbe essere senza cuore o senza raziocinio.", ci si sentirà messi con le spalle al muro e non si potrà essere ancora indifferenti al problema, non si potrà non vedere la propria bistecca come un vero e proprio cadavere, una volta tanto, ci sentiremo tutti di '"optare per la coscienza invece che per la comodità".

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,87/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(8)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Jonathan Safran Foer

1977, Washington

Jonathan Safran Foer (Washington 1977) è narratore statunitense. Nel 1999 si è recato in Ucraina per condurre ricerche sulla vita del nonno ebreo. Da quel viaggio è nato Ogni cosa è illuminata (2002), romanzo vincitore del National Jewish Book Award e del Guardian First Book Award. Un altro dramma sommesso della memoria è Molto forte, incredibilmente vicino (2005), divagazione di un ragazzo alle prese, tra foto di famiglia e altre reliquie, col ricordo del padre, vittima dell’attacco alle Torri Gemelle. Nel saggio Se niente importa. Perché mangiamo gli animali? (Eating animals, 2009) ha raccontato le motivazioni della propria scelta vegetariana. Nel 2007 è stato incluso nel Granta's Best of Young American Novelists. Tra gli altri libri...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Inserisci la tua mail

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore