Libri di Giovanni Verga

Libri di Giovanni Verga

Giovanni Verga

1840, Catania

DAGLI ESORDI «PATRIOTTICI» AI ROMANZI PASSIONALI E MONDANI. Nato da famiglia di nobili origini e di tradizioni liberali, crebbe alla scuola di Antonino Abate, esponente di una letteratura civile di ascendenza byroniana e guerrazziana. La sua prima prova romanzesca, "Amore e patria" (1856-57, inedito; tre capitoli ne furono pubblicati nel 1929), esce da quell’arroventata officina provinciale e affianca all’approssimazione linguistica l’enfasi patriottica. L’esordio pubblico avvenne nel 1861 con I carbonari della montagna, una storia collocata nella Calabria dei primi moti carbonari, ma che riflette motivazioni etiche e politiche dello scrittore ventenne, arruolatosi durante l’impresa garibaldina nella guardia nazionale e impegnato in attività pubblicistiche di forte ispirazione unitaria. Macchinosità e goffaggine di scrittura relegano I carbonari in una preistoria verghiana, in cui resta confinato anche "Sulle lagune" (1863), che chiude la trilogia catanese d’ispirazione patriottica ma nel quale si possono cogliere i segni di una prima «conversione», dal romanticismo eroico a quello passionale. Il passaggio è documentato dalla sostituzione della figura dell’artista a quella dell’eroe nei successivi romanzi: "Una peccatrice" (1866) narra infatti l’avventura di un giovane scrittore esordiente; ovvio il riferimento autobiografico, anche se V. prende le distanze dal suo nuovo eroe, come da quelli successivi della serie dei romanzi passionali, inserendo tra accaduto e narrato il filtro di un narratore. L’opera che di colpo fece uscire V. dalla clandestinità letteraria e presto s’impose come un best seller fu "Storia di una capinera" (1871); essa esibiva due ragioni di popolarità: il motivo manzoniano della monacazione forzata e la struggente confessione di un amore impossibile che condanna alla follia e alla morte.
Intanto, trasferitosi nel 1869 a Firenze, V. aveva avuto modo di conoscere l’ambiente letterario della città, in quegli anni capitale d’Italia (fra l’altro strinse rapporti con F. Dall’Ongaro). Nel 1872 si stabilì a Milano, entrando in relazione con scrittori quali A. Boito e G. Giacosa e frequentando i ritrovi letterari della città (in particolare il salotto della contessa Maffei). Le opere di quegli anni hanno uno schema simile a Una peccatrice: in "Eva" (1873) si consuma il tema dell’artista vittima dell’amore e della società, nel quale sono ravvisabili influenze della scapigliatura ma anche indizi autobiografici, mentre il dittico "Eros" (1874) e "Tigre reale" (1875) sposta l’obiettivo sull’eroe della mondanità, uomo o donna «di lusso».

LA «CONVERSIONE» AL VERISMO. DA «NEDDA» A «I MALAVOGLIA». Nel 1874 però V. aveva anche pubblicato il «bozzetto siciliano» "Nedda", con cui inaugurava un genere non ancora tentato e nel quale in quegli anni continuò a cimentarsi: la novella. Ma ciò che più conta è la parsimonia dei mezzi stilistici lì adibiti alla rappresentazione di un destino lasciato senza riscatto né umano né sociale, oltre alla scelta di un argomento «umile» come la vicenda di una misera raccoglitrice di olive siciliana. È quello che viene considerato l’inizio di una nuova maniera verghiana, che trovò compiuta espressione nei "Malavoglia" * (1881), primo di una progettata serie di cinque romanzi (ciclo dei Vinti). Nei Malavoglia sono chiari i cardini della nuova concezione veristica di V.: da una parte l’individuazione di un «punto di vista» che consenta al narratore di calarsi nei fatti e quasi scomparire, lasciando che questi si producano da sé come per una necessità naturale, cancellando la mano dell’autore; dall’altra il progetto di tipo balzachiano e zoliano del ciclo. Nei risultati, comunque, più dell’ambizioso progetto sociologico, presentato nella prefazione al romanzo come lo studio dei meccanismi che determinano la darwiniana lotta per la vita e le leggi del progresso umano, è valida la prima istanza di rappresentazione o, come dirà lo stesso V., «illusione» della realtà: un’istanza linguistica ed espressiva che rende conto della diversità dei livelli e registri narrativi tra le grandi opere del V. maturo. Evitando di dar voce direttamente alle proprie reazioni etiche, ideologiche, affettive, lo scrittore persegue l’obiettivo di orchestrare la materia sull’intonazione di una voce narrante, ritmata su una cadenza locale immune da compiacimenti dialettali e su una sintassi mimetica che restituisca l’elementarità e insieme l’eloquenza, la sentenziosa proverbialità del parlato, e cali il lettore nel ritmo naturale del vissuto. V. si immerge nel mondo sociale di Aci Trezza, nella semplice e insieme rissosa comunità che sta attorno ai protagonisti, i Toscano detti i Malavoglia, e si confronta con i miti di quell’umanità elementare: l’«ideale dell’ostrica» come difesa dall’urto della marea, da cui tuttavia tutti gli eroi del romanzo sono investiti dopo il naufragio della «Provvidenza» (la barca dei Malavoglia) che avvia la vicenda; la «religione della famiglia» incarnata dal patriarca della «casa del nespolo», il biblico padron ’Ntoni, ed ereditata dal mite Alessi; la «vaghezza dell’ignoto» che getta gli inquieti, il giovane ’Ntoni e la sorella Lia, in bocca al mondo, «pesce vorace» che inghiotte coloro che spezzano il vincolo tutelare della comunità.

LE NOVELLE E I DRAMMI. Negli stessi anni in cui lavorava ai "Malavoglia", V. scriveva pure alcune delle sue novelle più riuscite: la serie di "Vita dei campi" (1880), che comprende un’anticipazione di tono colloquiale dei motivi del romanzo "Fantasticheria", ed è dedicata ai «primitivi» ("La lupa", "Jeli il pastore") e ai dannati della terra ("Rosso Malpelo"), e la serie delle "Novelle rusticane" (1883), dove la materia si articola in un contesto di rapporti storico-sociali ed economici più evoluti, ma anche fortemente drammatici (Libertà) e ossessivi (Malaria, La roba). Alla maniera mondana e sentimentale va invece ricondotto il romanzo Il marito di Elena (1882), mentre le altre raccolte di novelle, Per le vie (1883), "Vagabondaggio" (1887), "I ricordi del capitano d’Arce" (1891), "Don Candeloro e C.i" (1894), attingono anche a una vena populista. Dalle novelle inoltre V. traeva materia di drammi: nel 1894 il grande successo di "Cavalleria rusticana" inaugurava il verismo a teatro in quella tipica veste regionale ed «elementare» tanto cara al repertorio di fine secolo. Minore fu la fortuna di altri drammi: "In portineria" (1885); "La lupa" (1896), iscritta però duraturamente nel repertorio passionale delle grandi attrici; "Caccia al lupo" (1901); "Caccia alla volpe" (1901).

«MASTRO-DON GESUALDO». Del 1889 è il secondo grande romanzo di V., Mastro-don Gesualdo*, già pubblicato in rivista l’anno precedente, ma con varianti significative. L’impianto narrativo, più ampio che nei Malavoglia, è quello di un romanzo di costume; il montaggio degli episodi è per successione di quadri, ognuno dei quali svolge un tema, senza che lo scrittore, fedele alla poetica dell’impersonalità, intervenga: dal quadro d’apertura dell’incendio di palazzo Trao a Vizzini, che scopre la rovina materiale e morale del nobile casato, a quello finale della solitaria morte a Palermo, nella foresteria del duca di Leyra, tra l’irrisione della servitù, dell’ormai rassegnato protagonista. Anche la morte è qui spogliata di ogni solennità, consegnata alla commedia di chi sopravvive. Nel sovrapporsi chiassoso di voci che incrinano ogni valore sociale V. sembra aver individuato il ritmo espressivo di un’umanità condizionata dal denaro, condannata alla solitudine. È una condizione di cui i personaggi non hanno coscienza né avvertono il disagio, diversamente dai protagonisti dei romanzi giovanili. Per questo "Mastro-don Gesualdo", più che un ultimo grande prodotto della tradizione ottocentesca, appare come il primo romanzo italiano dell’alienazione borghese.
Con "Mastro-don Gesualdo" il dittico narrativo fondato sulle due «religioni», o miti sociali, della famiglia e della roba si era realizzato, lasciando sospesa l’attuazione del grande ciclo dei Vinti: il successivo romanzo "La duchessa di Leyra" rimase incompiuto, mentre gli altri due previsti ("L’onorevole Scipioni" e "L’uomo di lusso") non furono nemmeno iniziati. All’estrema attività dello scrittore appartengono l’altro romanzo "Dal tuo al mio" (1906), una sarcastica e amara parabola dei conflitti sociali, adattato subito dopo per il teatro, e alcune novelle.
Gli ultimi anni V. li trascorse a Catania, chiuso in uno scontroso isolamento e in un lungo silenzio. Egli aveva trovato nel verismo un metodo per creare in letteratura un correlativo «naturale» della realtà e liberare la prosa italiana dall’artificio; per questo preferì tacere quando quel metodo non sembrò più coincidere con la sua materia. Ma la critica aveva da tempo riconosciuto il suo rilievo di innovatore e il suo magistero d’artista, a cominciare da L. Capuana, che ne predisse ed esaltò la grandezza, e B. Croce. In seguito si sono avuti i contributi di L. Russo, G. Devoto, L. Spitzer, il dibattito marxista sulla poetica e l’ideologia verghiana, quindi il lavoro della filologia, nuove analisi del testo e nuove interpretazioni generali.

Fonte: "Enciclopedia della Letteratura" Garzanti 2007

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi
Reparti
(183)
(12)
(4)
(2)
(2)
(1)
Vedi tutti Mostra meno
Disponibilità
(57)
(42)
(4)
(1)
Offerte
(198)
(7)
(6)
Prezzo
Autori
(198)
(2)
(1)
(1)
(1)
(1)
(1)
Vedi tutti Mostra meno
Editori e marche
(10)
(9)
(8)
(8)
(8)
(7)
(7)
(6)
(6)
(5)
(5)
(4)
(4)
(4)
(4)
(4)
(4)
(4)
(3)
(3)
(3)
(3)
(3)
(3)
(3)
(3)
(3)
(2)
(2)
(2)
Vedi tutti Mostra meno
Collane e linee
(9)
(8)
(8)
(7)
(7)
(6)
(5)
(4)
(4)
(4)
(4)
(4)
(3)
(3)
(3)
(3)
(3)
(3)
(3)
(3)
(3)
(2)
(2)
(2)
(2)
(2)
(2)
(2)
(2)
(1)
Vedi tutti Mostra meno
Media recensioni
(55)
(7)
(1)
Formato
(109)
(44)
(13)
(12)
(2)

Tutti i risultati (198)

4,67
Da leggere assolutamente
Recensioni: 5/5
(21)
Libri Narrativa italiana Newton Compton Editori, 2014
disp. immediata disp. immediata
4,66 €
4,90 €
4,91
Recensioni: 5/5
(11)
Libri Narrativa italiana Feltrinelli, 2014
disp. immediata disp. immediata
9,02 €
9,50 €
4,6
Recensioni: 5/5
(15)
Libri Narrativa italiana Feltrinelli, 2015
disp. immediata disp. immediata
8,08 €
8,50 €
4,75
Recensioni: 5/5
(4)
Libri Narrativa italiana Feltrinelli, 2014
disp. immediata disp. immediata
9,02 €
9,50 €
4,5
Recensioni: 5/5
(6)
Libri Narrativa italiana Einaudi, 2014
disp. immediata disp. immediata
9,50 €
10,00 €
4,5
Recensioni: 5/5
(2)
Libri Narrativa italiana Newton Compton Editori, 2015
disp. immediata disp. immediata
3,70 €
3,90 €
5
Recensioni: 5/5
(4)
Libri Narrativa italiana Insuber Publishing, 2021
disp. immediata disp. immediata
3,32 €
3,50 €
0
Recensioni: 0/5
(0)
Libri Narrativa italiana Einaudi, 2019
disp. immediata disp. immediata
12,35 €
13,00 €
5
Recensioni: 5/5
(1)
Libri Narrativa italiana BUR Biblioteca Univ. Rizzoli, 2002
disp. immediata disp. immediata
8,55 €
9,00 €
0
Recensioni: 0/5
(0)
Libri Narrativa italiana Feltrinelli, 2020
disp. immediata disp. immediata
7,60 €
8,00 €
0
Recensioni: 0/5
(0)
Libri Narrativa italiana Newton Compton Editori, 2017
disp. immediata disp. immediata
4,66 €
4,90 €
4,73
Recensioni: 5/5
(15)
Libri Narrativa italiana Mondadori, 2016
disp. immediata disp. immediata
9,50 €
10,00 €
0
Recensioni: 0/5
(0)
Libri Narrativa italiana Feltrinelli, 2013
disp. immediata disp. immediata
9,50 €
10,00 €
5
Recensioni: 5/5
(3)
Libri Narrativa italiana Rusconi Libri, 2020
disp. immediata disp. immediata
9,50 €
10,00 €
5
Recensioni: 5/5
(1)
Libri Narrativa italiana Newton Compton Editori, 2016
disp. immediata disp. immediata
4,66 €
4,90 €
4,98
Indimenticabile
Recensioni: 5/5
(103)
Libri Narrativa italiana Crescere, 2011
disp. immediata disp. immediata
4,66 €
4,90 €
0
Recensioni: 0/5
(0)
Libri Narrativa italiana Mondadori, 2017
disp. immediata disp. immediata
13,30 €
14,00 €
5
Recensioni: 5/5
(1)
Libri Narrativa italiana Einaudi, 2015
disp. immediata disp. immediata
15,20 €
16,00 €
4,75
Recensioni: 5/5
(4)
Libri Narrativa italiana Selino's, 2008
disp. immediata disp. immediata
4,75 €
5,00 €
disp. immediata disp. immediata
9,40 €
9,90 €
disp. immediata disp. immediata
3,70 €
3,90 €
0
Recensioni: 0/5
(0)
Libri Narrativa italiana tab edizioni, 2020
disp. immediata disp. immediata
6,65 €
7,00 €
0
Recensioni: 0/5
(0)
Libri Narrativa italiana Lampi di Stampa, 1999
disp. immediata disp. immediata
19,00 €
20,00 €
5
Recensioni: 5/5
(3)
Libri Narrativa italiana Mondadori, 2017
disp. immediata disp. immediata
8,55 €
9,00 €
4,5
Recensioni: 5/5
(2)
Libri Classici, poesia, teatro e critica Interlinea, 2014
disp. immediata disp. immediata
28,50 €
30,00 €
Chiudi

Inserisci la tua mail

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore

Chiudi