Img Top pdp IT book
Salvato in 10 liste dei desideri
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
La lentezza della luce
15,30 € 18,00 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+150 punti Effe
-15% 18,00 € 15,30 €
disp. in 5 gg lavorativi disp. in 5 gg lavorativi
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,30 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,30 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
La lentezza della luce - Michele Dalai - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

La lentezza della luce Michele Dalai
€ 18,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Ci sono quelli che nascono per correre più veloci della luce e quelli che amano fermarsi a guardarla, la luce, mentre passa lenta e illumina la scena, accarezza le imperfezioni, guarisce da tutte le sconfitte e perdona ogni pasticcio, purché sia fatto con amore.

Cos'hanno in comune Zola Budd che correva a piedi nudi e perse la gara più importante del mondo per una crisi di pianto, Richard Norris Williams, il più grande tennista dei suoi tempi, sopravvissuto al Titanic, che tirava solo all'incrocio delle righe, e la gloriosa Aurora Desio, la squadra di basket che terminò una stagione senza vincere nemmeno una volta? A modo loro sono tutti sconfitti, meravigliosi sconfitti. Poco importa che lo siano diventati per un eccesso di bravura o per l'assoluta mancanza di questa, che il loro dramma, sportivo e a volte anche umano, sia avvenuto durante la finale delle Olimpiadi o nel più marginale dei palazzetti dello sport. In La lentezza della luce le loro vicende si intrecciano a quelle del narratore, Michele Dalai, che, come centinaia di migliaia di bambini e adolescenti degli ultimi cinquant'anni, è rimbalzato da uno sport all'altro, da un campo di calcio a una palestra di boxe, con tanta abnegazione e poco talento. E questi grandi sportivi perdenti sono, al tempo stesso, monito e allegoria ma anche fratelli e sorelle dello sportivo amatoriale, uniti nel dolore e nella rabbia della sconfitta eppure consapevoli che proprio lì, e non nella vittoria, sta la possibilità di riscatto e di apprendere una lezione determinante per la vita. Con un libro originalissimo, Michele Dalai salda due delle linee letterarie più interessanti degli anni che stiamo vivendo, la grande narrazione sportiva e la scrittura autobiografica fondata su onestà e autenticità radicali. Con straordinarie capacità stilistiche, riesce ad alternare i registri e le ambientazioni, portando il lettore, nell'arco di poche pagine, dal riso alla commozione, da un grande stadio dove si sta compiendo la Storia con la maiuscola dello sport, alle storie minime dei campi sterrati frequentati da bambino. Partendo da un assunto morale necessario e vero: ci vuole talento anche nel non avere talento.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2017
16 maggio 2017
134 p., Brossura
9788804674887
Chiudi

Indice

C'è un campo da calcio in terra battuta e ci sono io. Ho otto anni e quello è il mio primo torneo nei pulcini dell'Alvisana, una piccola società veneziana i cui colori sono il bianco e il verde. Mamma mi ha comprato la divisa e la borsa, siamo venuti a vedere gli allenamenti una settimana fa e quando mi ha trovato incantato davanti alla piccola vetrina impolverata con dentro il materiale e le maglie della squadra ha voluto farmi felice. Siamo arrivati a Venezia da due settimane e tutto è bello e complicato, diverso dalle piccole certezze acquisite in anni di scuolabus, vicini di casa e facce familiari. Siamo soli in un posto nuovo, ora tocca capire quanto e se saremo felici. Poco prima che il giovane arbitro fischi l'inizio della finale vedo arrivare mio padre. È uscito dall'ufficio, è partito da Mestre per vedermi giocare dopo un'ora e passa di macchina e vaporetti in pieno pomeriggio. Papà è il più giovane dirigente di una grande multinazionale tedesca, a soli trentaquattro anni l'hanno spedito a Venezia a fare una cosa dolorosa per la quale lo vedrei soffrire tutte le sere, se solo capissi il dolore degli adulti. Una carriera universitaria perfetta e la politica di piazza come ragione di vita per poi trovarsi dalla parte di chi compre un'azienda, chiamato a tagliare, accompagnare e incentivare all'uscita.

Valutazioni e recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
Recensioni: 3/5

Un omaggio alla mediocrità, o meglio la ricerca di ciò che c’è di bello nella mediocrità. C’è chi è nato per fare il campione e vivere da campione. E chi invece è nato per fare il gregario ma è cosciente della sua situazione. Sa che non potrà mai eccellere ed arrivare al top e quindi si compiace del suo essere “nella norma” Un libro divertente, a tratti commovente che si snoda tra racconti di storie di sport degli ultimi cinquant’anni e vita dell’autore.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Michele Dalai

1973, Milano

Michele Dalai è nato a Milano nel 1973. Ha diretto la casa editrice Baldini & Castoldi; giornalista professionista, scrive per varie testate e ha collaborato con radio e televisione. Ha pubblicato i romanzi Le più strepitodse cadute della mia vita (Mondadori, 2011) e il pamphlet di satira calcistica Contro il tiqui taca. Come ho imparato a detestare il Barcellona (Mondadori, 2013) e La lentezza della luce (Mondadori, 2017).

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore