Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Offerta imperdibile
Isabella e Lucrezia, le due cognate. Donne di potere e di corte nell'Italia del Rinascimento - Alessandra Necci - copertina
Isabella e Lucrezia, le due cognate. Donne di potere e di corte nell'Italia del Rinascimento - Alessandra Necci - copertina
Dati e Statistiche
Fuori di libri Post sulla Community Fuori di libri
Wishlist Salvato in 181 liste dei desideri
Attualmente non disponibile
Isabella e Lucrezia, le due cognate. Donne di potere e di corte nell'Italia del Rinascimento
4,95 €
4,95 €
Ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
4,95 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
4,95 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Isabella e Lucrezia, le due cognate. Donne di potere e di corte nell'Italia del Rinascimento - Alessandra Necci - copertina
Chiudi

Descrizione


Questa doppia biografia tratteggia le vite di due delle più famose protagoniste del Rinascimento italiano, Isabella d'Este marchesa di Mantova e Lucrezia Borgia duchessa di Ferrara, che divengono cognate in virtù del terzo matrimonio di Lucrezia con Alfonso d'Este. Erede di una grande dinastia, sottile stratega capace di vincere le più difficili partite dello scacchiere italiano, mecenate e collezionista, Isabella incarna il prototipo della donna politica cerebrale e ragionatrice, che antepone l'interesse dello Stato agli affetti. Lucrezia, figlia di un papa controverso e "carnale" come Alessandro VI, è invece capace di intense passioni e forti sentimenti, ma all'occorrenza si dimostra un'accorta governante e arriva a contendere a Isabella il primato di mecenate più celebrata della penisola. Le due cognate incrociano le loro esistenze con quelle dei maggiori personaggi del tempo, incarnando due diversi e significativi prototipi di "dame di potere e di corte". Attraverso Isabella e Lucrezia, inoltre, il libro racconta nel dettaglio l'Italia dell'Umanesimo e del Rinascimento, mettendone in evidenza la grandezza e la tragicità, gli splendori e le miserie, la complessità e le contraddizioni, gli individualismi e i particolarismi che le impediranno per molti secoli ancora di divenire uno stato unitario. È, dunque, una biografia ma anche un'analisi politica, che attraverso lo studio del passato, delle Signorie, del papato, dell'impero, dei regni nazionali, serve a comprendere meglio l'Italia di oggi. Perché la storia, come direbbe Benedetto Croce, "è sempre storia contemporanea".
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2020
7 maggio 2020
2000000038476

Valutazioni e recensioni

Silvia Leti
Recensioni: 4/5

Ho scoperto questa autrice per caso, mentre cercavo un libro dell’Edizione Economica Feltrinelli e poter usufruire di un’offerta. Si può dire che l’abbia comprato a scatola chiusa, quindi. A lettura conclusa, posso dire che non me ne sono pentita! Certo, bisogna considerare che, essendo una biografica storica sulla vita di due delle figure femminili più importanti del Rinascimento, non è una lettura leggerissima. Ma ho apprezzato molto la continua contestualizzazione storica e le molte citazioni e rimandi alle fonti da cui la Necci ha attinto. Poi, sfogliando la bibliografia, sono rimasta stupita dalla quantità di testi e archivi consultati e mi ha rassicurata ancora di più sulla veridicità dei fatti riportati nel libro. Non è una lettura serale per rilassarsi, questo è sicuro, sono presenti molte date e molti nomi e a volte facevo fatica a ricordarmi ogni cosa (nonostante abbia ancora delle reminiscenze dalle lezioni di storia del liceo). Ma lo consiglio a chiunque abbia voglia di addentrarsi tra i meandri delle corti italiani del ‘400-‘500, agli amanti degli intrighi e delle macchinazioni per salire al potere o, semplicemente, a chi voglia colmare delle lacune su argomenti che a scuola si affrontano, ma non in maniera così approfondita. Con la sua scrittura scorrevole e chiara e la sua minuziosità nell’approfondire, Alessandra Necci mi ha conquistata! Non escludo che in futuro potrei dedicarmi ad altri libri scritti di suo pugno.

Leggi di più Leggi di meno
Matilde Falduzza
Recensioni: 5/5

Questo libro è bellissimo, sia dal punto di vista narrativo che dei contenuti. Molte opere che trattano di tematiche simili risultano alla lunga pesanti... l’abilità della Necci sta proprio nel farlo risultare non un mero racconto storico ma un’indagine nella psicologia che ha animato uomini e donne rinascimentali, con la scelta di parlare di Lucrezia Borgia e Isabella d’Este, delle quali dona al lettore un ritratto il più possibile veritiero a quello che poteva effettivamente essere. Tutto ciò è accompagnato da fonti attendibili, che ricalcano il racconto dell’autrice ma che non lo rendono una ripetizione. La bellezza del romanzo sta proprio nel non essere pervaso da digressioni amorose o cornici troppo elaborate da essere vere e al tempo stesso risultare alquanto piacevole alla lettura, scorrevole, ricco di dettagli con cui il lettore può veramente immaginare queste due donne e il frangente storico in cui sono vissute, sentendole vicine. Lo consiglierei anche a chi si accinge per la prima volta a letture del genere in quanto anche il linguaggio risulta abbastanza leggero e scorrevole.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Alessandra Necci

1969, Roma

Alessandra Necci è laureata in giurisprudenza e ha una specializzazione in relazioni internazionali ottenuta a Parigi. Ha collaborato con alcuni giornali, quali il «Messaggero» e il «Giornale». È stata consigliere per le Relazioni esterne del Presidente del Senato e ha lavorato a lungo nelle istituzioni. Ha pubblicato con Gangemi Storia di Nausicaa e con Marsilio Il prigioniero degli Asburgo. Storia di Napoleone ii re di Roma (2011, due edizioni) e Re Sole e lo Scoiattolo. Nicolas Fouquet e la vendetta di Luigi xiv (2013, due edizioni, Premio Fiuggi). È opinionista televisiva, ed è stata docente all'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum. È Segretario generale della Fondazione Necci, per cui ha curato Memento. La mia storia,...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Inserisci la tua mail

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore