Per non dimenticare

Il Giorno della Memoria

Il Giorno della Memoria

Ogni anno, il 27 gennaio, si celebra il Giorno della Memoria per ricordare le vittime della Shoah. Una ricorrenza che serve a far riflettere sulla tragedia e a sottolineare l’importanza del non dimenticare. Anche la lettura di un libro e la visione di un film possono essere un passo fondamentale: ecco romanzi, testimonianze, saggi e film che aiutano a ricordare.

Cerca Cerca
Cerca

I nostri consigli

Un romanzo, un saggio, un libro per bambini e un film da cui iniziare

Importanti testimonianze che aiutano a far luce su zone ancora inesplorate della macchina propagandistica nazista

Titti Marrone scava nella Storia per trasporre in un romanzo la coraggiosa e commovente esperienza di Lingfield

Una testimonianza d'eccezione per rivivere il dramma dell'Olocausto attraverso l'esperienza di una ragazzina

Un dramma storico ambientato in un college britannico dove nel 1939 si educavano le figlie dei generali nazisti di alto rango

I consigli della Fondazione G.Feltrinelli

La memoria non ha scadenza: una selezione di libri scelti dalla Fondazione Feltrinelli

Memorie e testimonianze

Diari, biografie, lettere: le testimonianze di chi ha vissuto sulla propria pelle il dolore dell’Olocausto

I romanzi sulla Shoah

Le pubblicazioni più recenti, e qualche classico, che raccontano il dramma della persecuzione negli anni del nazismo

Saggi storici

Libri fondamentali per capire, approfondire e trasmettere la Memoria

L'Olocausto spiegato ai ragazzi

Libri che parole semplici ed efficaci spiegano il significato del Giorno della Memoria

Film per ricordare

Classici come Il diario di Anne Frank, capolavori come La vita è bella, tutti i film sull'Olocausto

Holocaust Memorial Day

Una breve selezione di romanzi e testimonianze in lingua inglese per conoscere, riflettere e commuoversi

10 frasi tratte dai libri

Citazioni di grandi scrittori che raccontarono e ancora oggi raccontano l’orrore dei campi di sterminio

“Non penso a tutta la miseria, ma alla bellezza che rimane ancora”

Anna Frank
Il diario di Anna Frank

"L’Olocausto è una pagina del libro dell’Umanità da cui non dovremo mai togliere il segnalibro della memoria"

Primo Levi
Se questo è un uomo

"Mai dimenticherò quella notte, la prima notte nel campo, che ha fatto della mia vita una lunga notte e per sette volte sprangata"

Elie Wiesel
La notte

"Le azioni erano mostruose, ma chi le fece era pressoché normale, né demoniaco né mostruoso"

Hannah Arendt
La banalità del male

"Questi ricordi non sono semplici indumenti, qualcosa di cui ci si può spogliare e mettere nell’armadio. Sono incisi nella nostra pelle! Non possiamo liberarcene"

Trudi Birger
Ho sognato la cioccolata per anni

"Il mondo era costretto a prendere consapevolezza, a convivere con l'idea che il male esisteva e che era un qualcosa di terreno, di concreto, di incredibilmente plausibile"

Enrico Mentana, Liliana Segre
La memoria rende liberi

Alcuni sopravvissuti dicono di aver sentito la presenza di Dio accanto a loro nonostante tutto ciò che accadeva. Io non riuscii mai a percepirlo"

Sam Pivnik
L' ultimo sopravvissuto

"Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre"

Primo Levi
Se questo è un uomo

"La civiltà moderna non è stata la condizione "sufficiente" dell'Olocausto, ma ha rappresentato senza alcun dubbio la sua condizione "necessaria". Senza di essa l'Olocausto sarebbe impensabile"

Zygmunt Bauman
Modernità e olocausto

"Gli ebrei hanno sei sensi. Tatto, gusto, vista, odorato, udito... memoria"

Jonathan Safran Foer
Ogni cosa è illuminata

Chiudi

Inserisci la tua mail

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore

Chiudi